Ami i dolci? Ecco quanti ne puoi mangiare senza ingrassare

Scopri come mangiare dolci senza ingrassare. I momenti della giornata più adatti e quante volte andrebbero mangiati in una settimana.

donna con dolci
fonte foto: Adobe Stock

Le amanti dei dolci sanno bene come questa categoria di alimenti sia semplicemente irresistibile. Belli, profumati e con un sapore in grado di donare subito il buon umore, i dolci rappresentano il sogno proibito di ogni bambino e, perché no, anche dell’adulto che mira a star bene e a mantenersi in ottima forma. Purtroppo, infatti, è ormai risaputo che troppi zuccheri fanno prendere peso, nuocendo anche alla salute. E per questo motivo, oggi cercheremo di capire la formula magica per non rinunciare al nostro dessert preferito e fare al contempo a meno dei sensi di colpa.

Quanti dolci andrebbero mangiati a settimana

come gestirsi dopo aver mangiato molto
ragazza che mangia dolci – Fonte: Adobe Stock

Questa è una delle domande che ci si pone più spesso, sopratutto se si è a dieta. In linea generale la risposta, poco gratificante, sarebbe uno. Ci sono però alcuni aspetti importanti da considerare e che possono fare la differenza.

Perché se è vero che gli zuccheri fanno male è anche vero che si possono ottenere dolci golosi anche impiegando ingredienti più sani. Un dolce da colazione a base di farina d’avena, frutta secca e da addolcire con la presenza di frutti come i cachi, le banane o i fichi, rappresenta infatti una soluzione per mangiare un dolce al giorno, inserendolo a colazione ed iniziando così la giornata nel modo giusto.

Se la parola dolce, però, evoca in te il pensiero della fetta di torta da mangiare in pasticceria, la risposta rimane ferma su una porzione a settimana, da mangiare preferibilmente dopo un pasto ricco di proteine e povero di carboidrati e grassi. O da gustare quando capita, se si è soliti seguire un’alimentazione bilanciata e coadiuvata da dell’attività fisica. È risaputo infatti, che uno sgarro ogni tanto fa bene sia al metabolismo che alla mente, evitando attacchi di fame durante la settimana e rendendo più semplice l’attenersi alle regole dettate dalla sana alimentazione.

Come mangiare dolci ogni giorno senza sentirsi in colpa

dolce banana
fonte foto: Adobe Stock

Ora che abbiamo capito che il dolce da pasticceria va limitato nel tempo (non solo per la linea ma anche per mantenersi in salute), cerchiamo di approfondire i modi per consentirsi dei dolci anche ogni giorno.

Il trucco sta nel cercare di realizzare ricette che siano sempre bilanciate e ricche di alimenti sani. Eliminando zucchero e farine raffinate, infatti, si possono ottenere comunque ottimi dolci da mangiare senza più sensi di colpa. Un modo ideale per mangiare bene ogni giorno e arrivare al dolce da pasticceria così appagati da goderselo a pieno e senza sensi di colpa.

Tra i dolci senza zucchero e sani che si possono fare ci sono:

  • Il pancake a base di farina d’avena, yogurt greco, albumi, banane e gocce di cioccolato fondente. Un modo dolce e sano per dare il via alla giornata con il massimo della dolcezza.
  • La torta di riso con gocce di cioccolato da addolcire con le pere e da mangiare quando si ha voglia di qualcosa di buono
  • Le mele cotte con cannella, sane e genuine. Perfette per un dopo pasto goloso
  • I biscotti con farina integrale, miele e frutta secca, ottimi da aggiungere ad uno yogurt greco per colazione
  • La cheesecake addolcita con miele e ricoperta di confettura senza zucchero. Il dolce sano ma super goloso

Ci sono poi diversi ingredienti che si possono usare al posto dello zucchero nei dolci e che offrono comunque un’ottima esperienza di gusto.

Andando ai momenti della giornata in cui è preferibile mangiarli, i dolci (se ben bilanciati) vanno benissimo anche a colazione. In alternativa si può optare per una merenda golosa o per un dopo pranzo sfizioso e da far seguire ad insalate o secondi piatti con contorni leggeri. Trattandosi comunque di cibi contenenti carboidrati è sempre meglio non consumarli dopo un primo piatto a base di pasta o riso. Fatta ovviamente eccezione per la mela cotta che può essere usata a posto della frutta fresca.

Fonte foto: iStock

Insomma, mangiare dolci può essere molto più semplice se si impara a farlo. Ciò che conta è comprendere la differenza tra i classici dolci spesso ricchi di ingredienti poco sani e quelli naturali che si possono realizzare facilmente anche a casa.

Attenzione: se si sta seguendo una dieta dettata dal nutrizionista, è bene rivolgersi al proprio medico per avere le giuste dritte. Magari spiegandogli il bisogno di dolci e trovando insieme le alternative più idonee al proprio percorso.