Giornata Nazionale della Bandiera, Mattarella: “Tricolore dà speranza”

In occasione della 224esima giornata Nazionale della Bandiera, Sergio Mattarella tributa un omaggio al Tricolore con una nota ufficiale. Il Presidente della Repubblica richiama all’unità nazionale attraverso il suo simbolo di riferimento.

nuovo governo mattarella
Sergio Mattarella (Getty Images)

Oggi si celebra in Italia la 224esima Giornata Nazionale della Bandiera, lo ha ricordato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, attraverso una nota ufficiale, ricorda quanto il nostro vessillo sia – specialmente in tempi come questi – un’icona a cui fare riferimento. Mattarella ricorda quando, durante i mesi di lockdown, ci siamo stretti attorno alla bandiera con i canti dai balconi.

Giornata Nazionale della Bandiera, la nota di Mattarella

mattarella
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella (Getty Images)

Il tricolore richiama i valori fondanti del nostro Paese: unità, libertà democrazia e solidarietà. “Ideali che dobbiamo fare nostri anche durante la pandemia”, ha sottolineato Mattarella che, anche nel discorso di fine anno, non ha dimenticato di ribadire quanto sia importante ripartire all’insegna di un reciproco intento di risalita. Anche questa nota, diramata nel corso della mattinata, è un’occasione per rimarcare una volta di più quanto sia importante evitare personalismi. Soprattutto in chiave politica ed economica, il richiamo – senza dubbio – alle attuali tensioni di Governo che destabilizzano il Paese.

Mattarella, poi, conclude con un accenno alla storiografia: “Dal Risorgimento ai momenti più tragici e a quelli più entusiasmanti del nostro percorso nazionale, il Tricolore ha sempre ispirato speranza e fiducia. Viva il Tricolore, viva la Repubblica!”. Parole forti e decise con il chiaro intento di instillare ulteriormente orgoglio e responsabilità nelle coscienze dei cittadini. Anche alla luce dei gravi fatti accaduti recentemente negli Stati Uniti d’America. Gli ideali di un Paese come promemoria per il futuro, in un periodo contraddistinto da più dubbi che certezze.