Questo frutto quasi sconosciuto è salutare e ricco di vitamina C

L’acerola è un frutto estremamente speciale e utile sotto diversi punti di vista. Scopriamo insieme almeno cinque motivi per cui mangiarla si rivela estremamente salutare.

acerola
fonte foto: Adobe Stock

Si chiama acerola (Malpighia glabra L.) ma si legge Vitamina C! Scoprite con noi questo frutto esotico molto consumato nel mondo e ricco di benessere. Un frutto che vale la pena di scoprire e che si rivela utilissimo per almeno cinque motivi.

Acerola: 5 motivi per cui fa bene mangiarla

 

acerola
fonte foto: Adobe Stock

L’acerola è un frutto simile alla nostra ciliegia, ma più chiaro di colore e a spicchi. È una pianta originaria del centro e sud America e della zona delle Antille. Coltivato prevalentemente in Brasile a PortoRico. Nota anche come “ciliegia delle Indie Occidentali” o “ciliegia di Barbados” l’acerola ha un gusto abbastanza aspro, a causa della presenza massiva di acido ascorbico (vitamina C),dalle 30 alle 50 volte superiore a quello dei limoni, dei kiwi o delle arance.

Alimento nutraceutico, ossia che nutre e cura l’organismo al tempo stesso, l’acerola è ricca di proprietà grazie al contenuto di bioflavonoidi, di tannini e di vitamine. Contiene anche molti sali minerali, l’acerola è quindi un potente antiossidante e un ottimo aiuto contro l’influenza ed i malanni stagionali. Vediamo, quindi, i 5 motivi per cui è importante assumere regolarmente l’acerola:

  • Antiossidante: grazie al carico di minerali e vitamine, l’acerola svolge una notevole funzione antiossidante, combattendo i radicali liberi, aumentando le difese immunitarie dell’organismo.
  •  Antinfluenzale: con il suo carico di Vitamina C (1680 mg ogni 100 g di frutto), l’acerola svolge una funzione massiccia di contrasto alle malattie stagionali, raffreddori, influenze e stati di malessere delle vie respiratorie come mal di gola, tosse.
  • Antietà: i suoi sali minerali e vitamine insieme a suo carico di potassio, rendono l’acerola un valido aiuto per contrastare i segni dell’età cellulare. Il suo uso topico rende meno scura la pelle.
  • Antinfiammatoria: grazie ai suoi componenti ed al fatto che la vitamina C stimola la produzione di collagene, l’acerola è un valido antiinfiammatorio e si prende cura anche del sistema dei capillari, prevenendone rotture che causano micro sanguinamenti. Combatte gli stati febbrili.
  • Ipocalorica: l’acerola ha poche calorie, e pochi carboidrati, è quindi ideale per il consumo nelle diete ipocaloriche e per coloro che affrontano regimi alimentari particolari.

Attenzione: Non pare vi siano controindicazioni particolari nell’assunzione di acerola, a patto che questa sia regolare e non eccessiva.
L’assunzione massiva di acerola, infatti, potrebbe portare alla produzione di ossalati di calcio, i quali favoriscono la creazione di calcoli renali. Quelli che soffrono di disturbi renali oppure di patologie gastriche, prima di consumare acerola dovrebbero consultare il proprio medico, in quanto l’elevata concentrazione di vitamina C potrebbe causare loro problemi.

In ogni caso consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico curante per ogni eventuale problema o dubbio in merito.