Lo riconosci? Era un amatissimo e simpatico conduttore televisivo

Questo bambino biondo tra le braccia della sua mamma era destinato a diventare un conduttore televisivo famosissimo e amato da generazioni di italiani.

Fabrizio Frizzi da piccolo

Nel corso della sua carriera ha condotto letteralmente di tutto, dai programmi per bambini agli show del sabato sera fino ai quiz a cui ha dato un nuova, enorme popolarità.

Amatissimo dal pubblico ma anche (forse soprattutto) dai colleghi, dietro la facciata del bravo ragazzo e dell’amico di tutti nascondeva uno spirito da latin lover a cui difficilmente si sarebbe creduto se non ci fossero state delle prove.

Si è sposato due volte, entrambe per vero amore, ed è riuscito a rimanere in ottimi rapporti con la sua ex moglie la quale era stata addirittura invitata al suo secondo matrimonio ma preferì non partecipare per non dare ai giornali il pretesto per scrivere articoli di gossip.

È uno dei pochissimi conduttori a cui la RAI ha deciso di rendere un enorme omaggio che durerà a lungo nel tempo.

Conduttore simpatico, insospettabile amante delle belle donne

Fabrizio Frizzi da giovane

Il suo carattere gioviale e allegro è estremamente lontano da quello che, nell’immaginario collettivo, è il seduttore per eccellenza o il latin lover italiano, eppure nel corso della sua vita è riuscito a conquistare donne belle, intelligenti e soprattutto di ogni età.

La sua prima moglie era molto più grande di lui e venne conquistata con una corposa dose di insistenza, mentre i due lavoravano insieme alla conduzione di uno programma televisivo per bambini.

Avete capito di chi stiamo parlando? È Fabrizio Frizzi.

Fabrizio Frizzi da giovane

Fabrizio Frizzi ha cominciato la propria carriera come conduttore radiofonico, prima per una radio romana e successivamente per una radio siciliana.

Il suo debutto in televisione avvenne all’interno di trasmissioni per bambini prodotte dalla RAI. Al principio Fabrizio si cimentò come intrattenitore di scolaresche e inviato speciale che lavorava all’esterno degli studi.

Nel corso del tempo però Fabrizio divenne un personaggio televisivo amatissimo nel panorama della TV per ragazzi, tanto che infine gli venne assegnata la conduzione di un programma televisivo intitolato Pane e Marmellata, co – condotto con la donna di cui si sarebbe follemente innamorato.

fabrizio frizzi e rita dalla chiesa
Fabrizio Frizzi e Rita dalla Chiesa alla conduzione di Pane e Marmellata

Fabrizio Frizzi e Rita Dalla Chiesa avevano ben 10 anni di differenza e, proprio per questo motivo, almeno all’inizio Rita Dalla Chiesa rifiutò decisamente la corte serrata di Fabrizio Frizzi.

Come avrebbe spiegato anni dopo, la presentatrice temeva lo scandalo che ne sarebbe nato, dal momento che all’epoca non era accettabile che una donna frequentasse uomini molto più giovani di lei.

Questo non fermò assolutamente Frizzi, che cominciò ad accompagnare Rita a casa al ritorno degli studi televisivi e a insistere fino a che lei si innamorò di lui decidendo di “farsi scivolare addosso”, come disse lei stessa, tutti i pettegolezzi che sarebbero nati dalla loro unione.

Non si trattava comunque di un amoretto da quattro soldi: i due presentatori si sposarono nel 1992, dopo ben sei anni di fidanzamento (Pane e Marmellata era andato in onda tra l’85 e l’86).

Il matrimonio durò fino al 1998, quando i due si separarono per quelle che inizialmente vennero definite “incomprensioni caratteriali” ma che successivamente si rivelarono essere molto altro.

Rita Dalla Chiesa rivelò infatti che Fabrizio Frizzi l’aveva tradita con una corista e che la relazione clandestina continuava da qualche tempo. “È stato per colpa di una di queste signorine, che si è intromessa nel nostro rapporto in un momento in cui eravamo deboli. Lei ha avuto gioco facile, ma poi non è durato. Graziella De Bonis, una corista che lavorava a Domenica in… Lo amavo talmente tanto che l’ho capito dalle sue assenze, da certi sguardi, da un’improvvisa mancanza di dialogo. Speravo che tornasse da me quando è finita con lei, ma alla fine non ce l’ho fatta più. Forse ho sbagliato: avrei dovuto “abbozzare”, come si dice a Roma, e gli sarebbe passata. Ma temevo che avendolo fatto una volta lo rifacesse ancora”.

Per qualche miracolo dettato dall’amore, Rita Dalla Chiesa e Fabrizio Frizzi riescono comunque a rimanere in ottimi rapporti anche se decidono di divorziare ufficialmente nel 2002.

Tra il matrimonio e il divorzio, intanto, Fabrizio Frizzi sta conoscendo il periodo migliore della sua carriera, durante il quale viene scelto per condurre il programma al quale il suo nome rimarrà legato più a lungo: Scommettiamo Che insieme a Milly Carlucci.

Milly Carlucci e Fabrizio Frizzi 1992
(Tv Sorrisi e Canzoni)

Dal 1988 al 2002 però Fabrizio Frizzi aveva condotto Miss Italia, al timone del quale sarebbe tornato anche negli anni 2011 e 2012. Proprio durante il concorso conobbe Carlotta Mantovan, che all’epoca aveva soli 17 anni mentre lui ne aveva 40. La loro frequentazione era iniziata proprio nel 2002, quando Carlotta aveva partecipato al concorso.

Deciso a frequentare Carlotta in maniera seria, Frizzi decise di divorziare ufficialmente da Rita e di dedicarsi anima e corpo alla relazione con quella che sarebbe diventata la sua seconda moglie. I due si sposarono nel 2014: l’anno prima era nata la figlia Stella.

Vuoi continuare a giocare con Chedonna? Indovina gli altri personaggi famosi leggendo tutti gli articoli sui Vip da Piccoli

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da fabrizio frizzi memorial (@frifabrizio)

Stella è stata a lungo desiderata dai suoi genitori, che l’hanno amata moltissimo. Fabrizio ha sempre affermato che la nascita di sua figlia ha rappresentato un momento importantissimo nella sua vita, anche se si crucciava che non avrebbe potuto rimanere accanto a lei a lungo, dal momento che la bambina nacque quando Frizzi aveva compiuto 55 anni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Frizzi 🦋 (@persemprefrizzi)

Di certo però Fabrizio non si aspettava di poter rimanere assieme alla sua bambina per così poco tempo: colto da un malattia che non gli lasciò alcuno scampo, il più simpatico conduttore televisivo che la televisione italiana abbia mai avuto passò a miglior vita nel 2018. I suoi funerali furono affollatissimi, una gigantesca dimostrazione d’amore.

L’enorme vuoto che lasciò tra i telespettatori e i colleghi della RAI fu gigantesco, tanto che la RAI decise di rendergli omaggio intitolandogli una parte degli studi televisivi di Roma, proprio dove viene registrata Domenica In, Tale e Quale Show, L’Eredità.