Chico Forti torna finalmente in Italia. Esultano tutti, da Di Maio a Salvini

Chico Forti
(From Facebook)

Una bella notizia arriva dall’America. Chico Forti continuerà a scontare la sua pena in Italia. Esultano tutti, da Luigi Di Maio a Matteo Salvini. Ora, è attesa per il rientro

Chico Forti
(From Facebook)

In un’Italia piegata in due dalla crisi dovuta al Covid, tutta proiettata a vivere festività natalizie in tono minore in attesa del vaccino Pfizer, che ha incassato l’ok dall’EMA e dalla Commissione europea arriva, finalmente, una bella notizia. Dopo anni di dure battaglie legali e di impegno profuso senza sosta anche da parte di diverse associazioni, Chico Forti potrà finalmente rientrare in Italia. Continuerà a scontare la pena nel suo paese d’origine.

La vicenda è complessa. Per ricostruirla bisogna partire dal 1998, anno in cui l’uomo fu arrestato negli Stati Uniti con l’accusa di omicidio. Nel 2000, poi, fu condannato all’ergastolo da un tribunale della Florida. All’epoca dei fatti, Forti era un businessman di successo nel campo delle produzioni televisive e dell’immobiliarismo. Stava girando un documentario sull’omicidio di Gianni Versace, stella dell’haute couture italiana simbolo d’eccellenza nel mondo, avvenuto a Miami, sulle scale della sua meravigliosa villa, per mano di Andrew Phillip Cunanan.

Per un curioso intreccio di fatti e circostanze riguardanti la compravendita di un immobile di lusso, nel 1998 si arrivò all’arresto di Chico Forti che, però, si è sempre professato innocente. Tutto parte dalla morte di Dale Pike, figlio di Antony Pike, dal quale Forti stava acquistando il Pikes Hotel a Ibiza. Dale venne assassinato e trovato cadavere su una spiaggia di Miami il 15 febbraio 1998. Chico Forti fu subito incriminato per omicidio. La storia è di dominio pubblico ed è documentata, egregiamente, anche in molti servizi realizzati da Le Iene. La redazione del programma televisivo ha rilanciato su Twitter la notizia del ritorno in Italia di Forti, riproponendo un video di un po’ di tempo fa.

Oggi Chico Forti, originario di Trento, ha 61 anni. E’ un uomo che ha sulle spalle tutto il peso di anni di dure battaglie legali, sempre affiancato dall’instancabile zio Gianni, che ha combattuto affinché suo nipote potesse continuare a scontare la pena in Italia. Una speranza custodita nel cuore per tanti anni che, finalmente, si materializza. Chico Forti tornerà presto in Italia, per la gioia dell’anziana madre ultranovantenne, che ha sempre creduto nel lieto fine senza mai arrendersi. “Sono emozionatissima” – ha commentato tra le lacrime la donna.

Chico Forti in Italia. Esplode la gioia da Di Maio a Salvini

Luigi Di Maio
(Getty Images)

A dare l’annuncio del ritorno in Italia di Chico Forti è stato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, con un video pubblicato su Facebook. “Chico Forti tornerà in Italia. Grazie a tutta la Farnesina – ha scritto Di Maio – e all’Ambasciatore Varricchio per il grande lavoro diplomatico. Un grosso abbraccio alla famiglia di Chico”.

Di Maio si è poi rivolto a Mike Pompeo, numero uno della diplomazia americana. “Un ringraziamento speciale al Segretario di Stato Mike Pompeo, con il quale ho seguito personalmente la vicenda e con il quale ho parlato ancora nel fine settimana, per l’amicizia e la collaborazione che ha offerto per giungere a questo esito così importante”.

Il risultato raggiunto non era per nulla scontato. Da anni, infatti, si lavorava alla causa di Chico Forti. E’ stato necessario uno sforzo diplomatico enorme. Il governo incassa un’altra vittoria che, peraltro, arriva a pochi giorni di distanza dalla risoluzione di un’altra incredibile vicenda, la liberazione dei pescatori di Mazara del Vallo rapiti in Libia. L’opinione pubblica gioisce per Chico Forti. Esultano tutti, da Luigi Di Maio a Matteo Salvini passando per il presidente del Consiglio.

Giuseppe Conte è entusiasta ed esprime soddisfazione su Twitter. “Il prossimo ritorno in Italia di Chico Forti è davvero una bella notizia. Un ringraziamento al Ministro Luigi Di Maio e a tutto il corpo diplomatico italiano per la determinazione e l’impegno che hanno permesso di raggiungere questo importante risultato”.

Anche il leader della Lega, negli anni, si è speso ripetutamente chiedendo giustizia per il caso dell’italiano in carcere in Florida dal 2000. ” Una bellissima notizia! Il ritorno di Chico Forti in Italia – ha detto Matteo Salvini – è uno splendido regalo di Natale per i suoi familiari e per tutti i cittadini. Era una battaglia di giustizia e di civiltà, e come Lega siamo orgogliosi di averla combattuta anche quando ne parlavano in pochi. Bentornato”.

In questa lunga battaglia, non bisogna dimenticare l’instancabile impegno di tante associazioni a tutela dei diritti umani, che si sono battute affinché Chico Forti potesse avvalersi dei benefici previsti dalla Convenzione di Strasburgo.

matteo salvini
(Getty Images)

Gli Stati Uniti hanno finalmente deciso. Ora non resta che attendere gli sviluppi. Comunque, il governo seguirà da vicino i prossimi passaggi per accelerare il ritorno in Italia di Chico Forti per il quale il 2020, nonostante tutto, è l’anno della svolta.