Base Trucco con fondotinta compatto? Scopri se è la scelta giusta per te

Il fondotinta compatto è adatto a realizzare una base trucco? A volte assolutamente sì, ma per alcune pelli è la scelta sbagliata: ecco come scoprire se fa per te.

donna trucco
(Pexels)

La base trucco dev’essere in grado di uniformare il colorito e coprire le imperfezioni, offrendo allo stesso tempo una base solida e stabile per il make up vero e proprio.

cosmetici per la base trucco non sono moltissimi, e tutti svolgono una funzione fondamentale all’interno del procedimento per la sua creazione.

Il fondotinta è sicuramente tra i cosmetici più usati in questo procedimento e quello a cui più raramente le donne rinunciano, quindi è importante sceglierlo con estrema cura.

Oltre al colore, che deve essere in grado di fondersi perfettamente con l’incarnato, è importante fare in modo che la texture del prodotto scelto sia in grado di soddisfare le nostre esigenze ma anche che sia adatta al nostro tipo di pelle.

Fondotinta compatto per la base trucco: una buona scelta o no?

Base trucco viso prodotti
(Pexels)

Per uniformare l’incarnato, la base trucco dev’essere in grado di coprire le piccole imperfezioni della pelle.

Se le imperfezioni sono a carico della grana della pelle, ma non del suo colore, bisognerà scegliere con cura un filler con cui si possano “riempire” sia i pori troppo dilatati sia le piccole cicatrici lasciate dall’acne giovanile, dalla varicella o da altre cause.

Se, al contrario le imperfezioni da coprire riguardano il colore della pelle, si dovrà provvedere innanzitutto con un correttore colorato adatto a “neutralizzare” il colore dell’imperfezione, quindi con un correttore classico che possa uniformare il colore della zona appena truccata con quella del resto dell’incarnato.

Anche se il correttore è in grado di essere perfettamente efficace su discromie piccole e localizzate, sulle discromie ampie (come macchie cutanee presenti su gran parte del volto ma anche couperose e rossori di varia natura) il prodotto più adatto ed efficace è il fondotinta.

Il fondotinta fluido ha una consistenza più facile da stendere ma risulta inevitabilmente meno coprente. Pe questo  motivo le donne che hanno bisogno di correggere imperfezioni cromatiche più evidenti tendono spesso a scegliere un fondotinta compatto, cioè in polvere, per la sua altissima coprenza.

Per questa sua caratteristica, il fondotinta compatto è ideale per una buona base trucco, soprattutto se viene utilizzato d’estate o su una pelle grassa o tendente all’eccesso di sebo in alcune “zone critiche”.

Il sebo prodotto dalla pelle grassa o mista, infatti, viene facilmente assorbito dalla consistenza del fondotinta compatto e questo renderà la base trucco più stabile e resistente.

Bisogna specificare, però, che nel caso di pori molto dilatati (purtroppo un’evenienza frequentemente provocata dall’acne) sarebbe molto meglio utilizzare due fondotinta: prima un fondotinta fluido, quindi uno strato molto sottile di fondotinta compatto.

In questo modo si eviterà che nei pori dilatati si depositi troppo fondotinta compatto, rendendo evidenti spiacevoli accumuli di prodotto e inevitabile il temutissimo “effetto maschera”. Un’ottima alternativa sarebbe quella di scegliere un primer – filler in grado di chiudere e livellare i pori prima di stendere lo strato di fondotinta compatto, cosicché i pori, già colmi, non possano “accogliere” altro prodotto.

Sulle altre pelli, e in particolare sulle pelli secche, il fondotinta compatto non è l’ideale poiché tende inevitabilmente a “incrostarsi” sulle zone più secche dell’epidermide, finendo per evidenziare le piccole rughe e le varie imperfezioni tipiche di questo tipo di pelle.

Se proprio si ha necessità di usare questo tipo di correttore bisognerà procedere con grande cura all’idratazione della pelle appena prima di applicarlo. Dopo l’idratazione sarà però necessario attendere qualche istante che la crema venga assorbita completamente prima di procedere ad applicare il fondotinta, in maniera da evitare di alterarne la consistenza.

Vuoi saperne di più? Leggi l’approfondimento di Chedonna Base Trucco perfetta: come si fa e quali prodotti usare

Infine, per realizzare una base trucco impeccabile, il correttore compatto andrebbe steso con le dita o al massimo con il pennello piatto (detto anche “a lingua di gatto”). Molto spesso però negli astucci del correttore compatto viene fornita in dotazione una spugnetta per l’applicazione. Si tratta in genere di strumenti sottili, di piccole dimensioni e speso di scarsa qualità: molto meglio utilizzare le dita!