Tabelline, insegnamole giocando con i nostri figli

bambini tabelline
adobestock

Ci sono lezioni che i bambini possono imparare anche in maniera più leggera, provate a far imparare le tabelline come un gioco, sarà un piacere

bambini tabelline
adobestock

Imparare giocando, è il mestiere più bello per un bambino. Facile quando è ancora piccolo, fino alla Scuola dell’Infanzia, sono quelle le basi sulle quali lavorare. Ma quando cominciare a crescere e passa in Prima o Seconda elementare l’approccio cambia.

Eppure possiamo pensare di fargli imparare le tabelline giocando, trasformando un dovere in un piacere.
Le tabelline sono una parte fondamentale della matematica, almeno quella insegnata nei primi anni delle scuole elementari. A cominciare dalla Seconda diventano compagne di avventure dei nostri bambini che devono impararle e tirarle fuori dal cassetti della loro memoria quando serve. Studiare le tabelline trasformandole in gioco sarà certamente un modo più facile per farli abituare e non stressarli.

Imparare le tabelline giocando

E allora vediamo alcuni rimedi semplici che mescolano un divertimento intelligente con lo studio. Partiamo dalle filastrocche che hanno un duplice a scopo: aiutano la memoria del bambino e lo aiutano ad imparare con un metodo che per loro non è stressante. Volete un esempio? Proviamo con la tabellina del 3 seguendo uno dei tanti esempi che troviamo sul web:

Imparare le tabelline come un gioco, il web è un alleato prezioso

Ma ci sono altri metodi giocosi per mandare a memoria le tabelline. Pensate alla musica e al ruolo che ha nella crescita del bambino. Più di tate lezioni noiose, una canzoncina nella quale sono inserite le operazioni delle tabelline può essere efficace. Su YouTube potete trovarne di tutti i tipi e ai bambini (non solo quelli appassionati del web) piaceranno molto.
Allo stesso modo funzionano bene anche le App.

Anche in questo caso ce ne sono tantissime e per i bambini seguire le tabelline sul tablet o su un cellulare sarà più semplice che farlo su un libro. Ovviamente è un metodo da adottare a casa e non a scuola.


Uno dei giochi più gettonati nei bambini di quella età è il memory, associato a volti di persone, ad azioni, ad animali, eccetera. Possiamo farlo anche con le tabelline, cambiando le immagini del gioco. In pratica ad ogni carta che riporta una moltiplicazione il bambino dovrà associare il risultato corretto. Come se lo facesse sul foglio del suo quaderno, ma questo è un gioco