Cinque motivi per cui dovresti usare i chiodi di garofano

I chiodi di garofano sono, da sempre, una delle spezie più difficili da utilizzare in cucina. Il loro gusto deciso li rende una spezia unica. Scopriamo le proprietà, le controindicazioni e le curiosità su questa curiosa bacca.

chiodi di garofano
Fonte: Adobe Stock

I chiodi di garofano sono una spezia molto particolare di origina asiatica, molto apprezzata proprio per la decisione di gusto che danno ad ogni alimento. Ideali sia per preparazioni salate, che dolci, danno il meglio di se nelle lunghe cotture, tipo i brasati. Ricchi di proprietà benefiche, vengono utilizzati sia per la cosmesi che per risolvere alcuni malanni in modo naturale. Già nel Medioevo erano considerati un toccasana per molti disagi fisici e ancora oggi continuano ad essere usati per diversi scopi.

Chiodi di garofano: perché dovresti iniziare ad usarli

chiodi di garofano
Fonte: iStock photo

Vediamo insieme 5 motivi per i quali è utile inserire i chiodi di garofano nella propria alimentazione quotidiana:

Sono degli antinfiammatori naturali: sono utili contro il mal di denti, mal di testa e leniscono i problemi di digestione, l’assunzione di chiodi di garofano, aiuta a sfiammare i tessuti e le mucose, prevenendo anche spasmi muscolari. Alleviano lo stress.

Svolgono la funzione di antiossidanti: ricchi di flavonoidi, i chiodi di garofano sono nemici naturali dei radicali liberi, questo li rende un potente anti età. La loro importanza sotto questo aspetto li rende ideali per le cure di bellezza.

Profumano l’ambiente e conservano i cibi: grazie ad un composto chiamato “eugenolo”, i chiodi di garofano hanno un aroma davvero unico e molto intenso, capace sia di arricchire di aroma i cibi, ma nel contempo anche profumare l’ambiente. Uniti a scorze d’arancia e cannella e messi un una ciotola sui termosifoni, durante l’inverno profumeranno casa coprendo anche eventuali odori sgradevoli. La loro composizione particolare li rende in grado di conservare i cibi, facendoli durare più a lungo.

Sono balsamici: se usati in infusione, soprattutto insieme a rosmarino ed aglio, aiutano a liberare le vie respiratorie, grazie anche alle proprietà antinfiammatorie. Fare i fumi con i chiodi di garofano, consente di sfiammare le mucose nasali e faringee, rendendo il respiro più fluido e aiutando un riposo di qualità.

Hanno molte proprietà: i chiodi di garofano hanno anche diverse proprietà minori, ma non per questo meno importanti. Aiutano ad esempio la circolazione, fanno bene alle ossa, sono afrodisiaci, abbassano il livello degli zuccheri nel sangue, curano le ustioni e sono antimicrobici.

Controindicazioni
Ovviamente, come ogni alimento, anche i chiodi di garofano hanno alcune controindicazioni. In caso di allergie, conveniente evitare di assumerli.
Chi soffre di ulcera dovrebbe astenersi dal consumarli.
Tisane, infuso e altri rimedi a base di questo ingrediente sono da evitare in gravidanza.
I chiodi di garofano contengono una certa quantità di nichel, per i soggetti allergici dovrebbero fare attenzione al loro consumo e sempre previo parere del proprio allergologo.
Rimedi o oli essenziali a base di chiodi di garofano sono sconsigliati ai bambini.
Infine, per ogni tipo di problema o per dubbi in merito è sempre meglio consultarsi con il proprio medico curante.

chiodi di garofano
Fonte: iStock photo

E per chi è curioso di conoscere qualche aspetto mono noto. Un rimedio antico afferma che inseriti in una mezza cipolla cruda e posti sui davanzali, i chiodi di garofano tengano lontane mosche e zanzare durante le calde estati.