Quante volte al giorno devi fare la doccia per proteggerti dal Covid ed altri batteri?

Nel periodo della pandemia la tentazione di lavarsi in continuazione per eliminare virus e batteri dalla pelle è fortissima, ma quante volte bisogna fare la doccia per un’igiene perfetta e proteggersi dal virus?

fare la doccia
Photo Adobe Stock

Nel corso dei secoli l’umanità ha scoperto a proprie spese quanto sia necessaria una buona igiene personale per salvaguardare la propria salute e quella della società.

Fortunatamente si sono fatti dei passi da gigante nella formulazione di detergenti adeguati a rimuovere accuratamente lo sporco rispettando il delicato equilibrio dell’epidermide e, quindi, lavarsi frequentemente è diventato semplice e piacevole.

Come capita spesso però, l’umanità è passata da un estremo all’altro: oggi, nella società occidentale, le persone spesso si lavano troppo frequentemente, convinte che un’igiene personale molto frequente sia necessaria per eliminare germi e batteri dalla pelle.

Si tratta di una falsa convinzione: ecco quante volte si deve fare la doccia ogni settimana per assicurarsi allo stesso tempo un’igiene corretta e una pelle in salute.

Quante volte fare la doccia in una settimana? E in un giorno?

consigli lavarsi
Foto da iStock

La pelle di tutto il corpo è naturalmente protetta da un film idrolipidico, cioè da un sottile strato superficiale formato da una delicata combinazione di acqua e di grassi, in grado di proteggere la pelle dagli attacchi esterni di batteri e particelle estranee potenzialmente dannose per l’organismo.

In questo strato superficiale lo sporco rimane “intrappolato” e, di fatto, non riesce a raggiungere gli strati più profondi dell’epidermide, dove potrebbe generare infezioni.

Quando ci laviamo con acqua e sapone non facciamo altro che rimuovere il film idrolipidico in cui lo sporco è intrappolato.

Dopo la detersione (quindi dopo il bagno, la doccia e dopo qualsiasi lavaggio che comprenda l’utilizzo di sapone o di sostanze schiumogene) la pelle deve riscostruire la sua barriera protettiva e, per farlo, potrebbe impiegare diverse ore.

Per questo motivo docce troppo frequenti non darebbero alle pelle il tempo necessario per ricostruire le proprie difese naturali, eliminando tra l’altro anche i “batteri buoni” presenti naturalmente sulla nostra pelle.

Per questo motivo lavarsi troppo spesso e con saponi troppo aggressivi è una pessima idea.

L’ideale, secondo gli esperti di dermatologia, sarebbe fare la doccia una media di due o tre volte la settimana, diminuendo ancora questo numero fino a una volta la settimana nei periodi più freddi dell’inverno.

Questo assicurerà una pelle più morbida e più in salute, naturalmente protetta dalle irritazioni e dagli attacchi degli agenti atmosferici (il freddo è uno dei nemici più pericolosi per la pelle, poiché la spacca e la squama, facilitando la penetrazione di germi e batteri).

Per assicurare una corretta igiene quotidiana basterà lavare accuratamente le “zone critiche” del corpo come viso e mani, ascelle, parti intime, piedi.

Sono queste infatti le zone che si trovano più spesso a contatto con agenti inquinanti stressanti (smog, vento, sole, freddo intenso), dove si concentra il maggior numero di ghiandole sudoripare e quindi sudiamo di più (ascelle) e dove c’è un’alta possibilità che si sviluppino infezioni a causa del ristagno dell’umidità (parti intime, piedi).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Healthy (@giuseppe_healthy)

Il resto del corpo non sviluppa grandi quantità di sudore (a meno che non si faccia attività fisica, naturalmente) e non è esposto all’aggressione degli agenti atmosferici poiché è costantemente coperta dagli abiti, quindi non necessita di essere lavato in continuazione!