Vaccino Covid, l’annuncio dell’UE: “Pronti a firmare un altro contratto”

Vaccino Covid, l’Unione Europea continua a stringere accordi per non farsi trovare impreparata sul mercato. Il prossimo è con Moderna

La corsa per un vaccino Covid efficace continua, alcune aziende sono arrivate alla fase finale della sperimentazione e i governi non vogliono farsi trovare impreparati. Così l’Unione Europea continua a stringere accordi per i suoi Stati membri e il prossimo sarà quello con Moderna.

Vaccino Covid, arriva l’annuncio di Ursula von der Leyen (Getty Images)

L’azienda americana è una delle più attive nella ricerca ed è arrivata ad ottenere eccellenti risultati nella cura, almeno per quanto sostengono i suoi ricercatori. Quindi meglio approfittarne adesso e per questo domani (25 novembre) sarà approvato un nuovo contratto per allargare il portafoglio di vaccini dell’UE.

La conferma è arrivata direttamente dalla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen: “Ci consentirà di comprare fino a 160 milioni di dosi di un vaccino prodotto da Moderna. Secondo i risultati dei trial clinici – aggiunge – questo vaccino potrebbe essere altamente efficiente contro la Covid-19”.

Il passo successivo sarà quello della distribuzione non appena sarà dimostrato con dati inequivocabili che il vaccino funziona ed è sicuro. A quel punto ogni Paese membro ne riceverà una quantità pari in proporzione alla sua popolazione. Ma questo è solo uno dei molti contratti in fase di definizione, visto che l’UE ne ha già cinque in ballo con le principali Case farmaceutiche mondiali.

Come ha ribadito von der Leyen, sta per essere siglato anche un contratto di fornitura con con l’americana Novavax. Un accordo che segue quelli stipulati con AstraZeneca, Sanofi-Gsk, Johnson&Johnson, Pfizer-Biontech e Curevac. Ogni vaccino sarà valutato attentamente dall’Ema (l’Agenzia europea del farmaco) e solo in caso di via libera ariverà la sua commercializzazione.

Vaccino Covid,

Al momento nessun vaccino Covid è ancora disponibile per il pubblico (Getty Images)

Vaccino Covid, l’annuncio di Moderna arrivato subito dopo quello di Pzuizer e BionNTech sembra aver accelerato la corsa all’apporvvigionamento. In Europa il calcolo è già stato fatto: per gli Ztati dell’UE serviranno almeno 700 milioni di vaccini. Ma per soddisfare tutta la richiesta dovremo attendere almeno la prossima primavera se non il terzo trimestre del 2021.

Al momento nessun vaccino è ancora in commercio o nella disponibilità dei governi, nonostante i proclami di Cina e Russia. L’UE comunque ha guià stilato un piano di battaglia che prevede da uhn minimo di 20 milioni ad un massimo di 50 milioni di dosi distribuite ogni mese agli Stati membri.

Ad inizio 2021, quando realisticamente potrebbero arrivare le prime dosi anche in Italia i primi ad essere vaccinati saranno tutti i soggetti a rischi. A cominciare quindi dal personale sanitario e dai malati, fino ad esaurimento delle disponibilità. Poi, via via che saranno disponibili le altre forniture, saranno attivati i punti di vaccinazione in ogni città per coprure tutto il territorio nazionale.