Covid: in Alto Adige sono iniziati alle 8 i test di massa. 200 presidi

I test a tappeto per il Covid in Alto Adige dureranno circa tre giorni ed hanno l’obiettivo di coinvolgere quante più persone possibile.

Covid, si studia per osservare tutte le mutazioni del virus
Prosegue in tutto il mondo la ricerca sul Covid-19 (Adobe Stock)

Screening a tappeto come questo sono davvero molto importanti.

Permettono di avere un quadro completo di un determinato pezzo di territorio in modo da comprendere, in questo caso, fino a dove si è spinta l’emergenza Covid in quel punto territoriale.

Dopo la vicenda dei falsi test venduti in Calabria era cresciuta l’incertezza, ma il Governo è intervenuto prontamente nel sedare paure infondate di illiceità rimaste isolate.

I test a tappeto che si stanno svolgendo dalle 8 di questa mattina hanno interessato non poco la stampa internazionale e non solo.

Vediamo in dettaglio.

Al via lo screening di massa in Alto Adige: l’organizzazione a Bolzano

L’Alto Adige aveva fatto molto parlare del proprio territorio già quando aveva deciso per la sospensione degli alunni che non portavano la mascherina.

Una linea dura che punta alla riduzione del contagio.

Alle ore 8 di questa mattina ha avuto inizio in Alto Adige lo screening di massa con un obiettivo molto importante.

Sottoporre il 70% della popolazione, ovvero 350.000 persone, all’esame del tampone rapido.

I test a tappeto sopracitati avranno durata di tre giorni, fino a domenica, dalle 8 alle 18.

Verranno effettuati in tutti i Comuni dell’Alto Adige in quasi 200 presidi, il tutto è iniziato da poco più di 4 ore.

In molti casi di presidio si parlerebbe di palestre, seggi elettorali e tutti quei luoghi più adatti anche alle norme di distanziamento sociale.

Gli asintomatici dovranno stare in quarantena per dieci giorni. Con lo screening di massa la Provincia autonoma intende piegare la curva dei contagi.

A tal proposito bisogna ricordare che martedì riapriranno gli asili e le scuole elementari.

L’afflusso dei cittadini di Bolzano è enorme, tamponi veloci “uno ogni 1\2 minuti”

Vaccino anti Covid, arriva l’annuncio di Pfuizer (Getty Images)

La popolazione dell’Alto Adige che ad ora ha prenotato il test ha raggiunto quota 60 mila secondo quanto è stato riferito da il direttore generale dell’Azienda sanitaria Florian Zerzer ai microfoni dell’ansa.

Nei Comuni minori i test stanno avvenendo ed avverranno su prenotazione e appuntamento, mentre in quelli maggiori durante le finestre temporali prestabilite.

In tutti i 116 comuni dell’Alto Adige sono in funzione 600 linee di test” specifica il direttore generale Zerzer.

I tamponi veloci avvengono ad un ritmo di uno ogni 1-2 minuti.

L’afflusso dei cittadini di Bolzano per lo screening di massa è stato davvero molto vasto.

In molte parti della città, infatti, davanti ai presidi vi sono fila e fila di persone.

In quasi tutti i casi fuori ai tradizionali seggi elettorali si sono formate lunghe code.

Fino a domenica gli altoatesini sono invitati a sottoporsi a titolo volontario e gratuito al tampone rapido.

A Bolzano in particolare, secondo le vie e il numero civico, sono state assegnate delle “finestre temporali”, per poter partecipare allo screening.

Un evento questo che ha attirato non poche attenzioni.

A Bolzano infatti oltre alla stampa nazionale ed internazionale sono addirittura giunti anche tre osservatori del governo austriaco per studiare lo svolgimento dello screening di massa.

Questo screening potrebbe dare prova dell’efficacia di questa tipologia di azioni.

Si temono giustamente assembramenti vista la quantità di persone che volontariamente vuole sottoporsi al test rapido.

Le autorità locali hanno assicurato il pieno rispetto delle norme anticovid ed il forte senso di responsabilità della popolazione sarà sicuramente di enorme importanza.

Seguiranno aggiornamenti.