Vaccino Covid Pfizer: gli ultimi risultati dei test

Vaccino Covid Pfizer: l’azienda americana, in risposta agli studi di Moderna, aumenta la percentuale di efficacia. Vicini ad un risultato

Ormai è una rincorsa continua a colpi di annunci. Appena il tempo di incassare l’annuncio di Moderna che ha dichiarato il suo vaccino anti Covid efficace al 94% e oggi arriva la contro replica di Pfizer-BionNTech. L’azienda americana (come Moderna) ha terminato la fase 3 di test con un’efficacia del 95% senza effetti collaterali gravi.

L'italiano Vincenzo Trani ha accetato di farsi iniettare il vaccino russo Sputnik 5
Vaccino Covid Pfizer: i risultati dei test (Getty Images)

Se non fosse che ci sono in ballo miliardi e che entrambe le società sono quotate in Borsa, potremmo essere estremamente felici dell’esito. Ma come fa rilevare il ‘New York Times’ è comunque la prima volta che un test avanzato sul vaccino arriva a risultati così conclusivi. Il farmaco sarebbe in grado di prevenire forme lievi e gravi di Covid-19 e ha un’efficacia quasi totale anche sugli anziani.

Ora Pfizer e BioNTech come ultimo passo dovranno chiedere l’autorizzazione di emergenza alla Food and Drug Administration americana per cominciare a produrre il vaccino. Un ultimo passo essenziale prima della commercializzazione e somministrazione, prevista tra fine 2020 e inizio 2021 con le prime dosi.

Se infatti l’Agenzia per il Farmaco statunitense autorizzerà il vaccino (da somministrare in due dosi), Pfizer potrebbe produrre fino a 50 milioni di dosi disponibili entro la fine dell’anno e 1,3 miliardi entro la fine del prossimo anno. Più o meno metà della fornitura totale sarà destinata agli Stati Uniti quest’anno, quindi per soddisfare circa 12,5 milioni di persone. E tutti saranno vaccinati gratis.

Vaccino Covid Pfizer: i risultati dei test danno ottime risposte

Nel mondo si corre veloce per il vaccino covid
Sforzo globale per il vaccino Covid-19 (Adobe Stock)

La sperimentazione di Pfizer e BioNTech ha incluso circa 44mila volontari. Una metà ha ricevuto il vaccino e l’altra metà ha ricevuto un placebo. Su 170 casi di persone che hanno sviluppato il Covid-19, 162 erano nel gruppo placebo e solo 8 nel gruppo vaccinato. Su 10 casi di Covid-19 in forma grave, 9 avevano ricevuto il placebo. Effetti collaterali?  Stanchezza dopo la seconda dose del farmaco e il 2% dei volontari ha lamentanto mal di testa dopo la seconda dose.

Tutti i risultati dei test saranno pubblicati per la revisione su una rivista scientifica, eaaminati da una commisdsione esterna e imparziale, ma potrebbero servire mesi. Pfizer però è anche disponibile a presentare alla Fda i dati relativi a 2 mesi di ricerche e altre certificazioni sulla produzione del vaccino. Se questo sarà autorizzato, oltre alla produzione ci sarà lo a stoccaggio a -70° e la somministrazione.