Covid-19: mamme scienziate mettono a punto test salivare per bambini

Rapido e non invasivo. Quattro mamme scienziate mettono a punto il test salivare per i bambini per individuare il Covid-19.

test salivare bambini
Adobe Stock

A mettere a punto il test salivare ideale per i bambini, ma che possono usare anche gli adulti, sono quattro mamme scienziate dell’università Statale di Milano.

Rapido e non invasivo potrebbe essere la nuova frontiera per individuare il Covid-19, utile a formulare subito e in modo semplice una diagnosi nei più piccoli, specie nei prossimi mesi invernali quando anche l’influenza stagionale farà la sua parte e sarà sempre più difficile distinguere le due patologie.

Un tampone salivare, che il gruppo di scienziate coordinate da Gianvincenzo Zuccotti, preside della facoltà di Medicina, ha ottimizzato rifacendosi a un protocollo dell’università di Yale a cui era consentito il libero accesso a tutti perché disponibile su open science.

Come funziona il test salivare per bambini

test salivare bambini
Adobe Stock

Sono quattro scienziate Elisa Borghi, Daniela Carmagnola, Claudia Dellavia e Valentina Massa, ma soprattutto sono mamme di ben 11 figli in 4, in età scolare, dai 3 ai 21 anni.

E proprio da queste quattro donne è arrivata la soluzione per effettuare una diagnosi veloce e non invasiva, specie per individuare il Covid-19 nei bambini.

Avevamo visto come di recente si era accesa una polemica riguardo ai tamponi nasali  per i bambini, se fossero rischiosi o meno. E la Sip aveva fatto chiarezza in merito.

Nonostante ciò, le quattro scienziate mettendo a punto la soluzione rapida e non invasiva dei test salivari hanno sciolto ogni dubbio in merito, semplificando la diagnosi per i più piccoli.

Durante i mesi della pandemia le quattro donne si sono chieste come avrebbero potuto evitare di trascorrere l’inverno facendo un tampone ai propri figli ogni qualvolta si fossero presi un raffreddore.

Poi l’illuminazione arriva da Twitter: “Abbiamo letto del test di Yale che aveva già ricevuto l’approvazione di emergenza dalla Food and drug administration (l’agenzia americana che regola i farmaci ndr.) e li abbiamo contattati, mettendo a punto il nostro test a settembre. Lo abbiamo sperimentato su un gruppo di 100 persone da 0 a 80 anni con ottimi risultati“.

Per raccogliere il campione di saliva, e non di sputo che può contenere anche muco e altre particelle, serve un piccolo rullo di cotone da passare sotto la lingua. Il risultato arriva in 24 ore. 

Questo test si legge nel sito dell’Ansa “è sensibile come il tampone naso-faringeo e affidabile al 94% contro l’80% dei test salivari rapidi che rilevano gli antigeni e danno il risultato in 15 minuti”.

“Essendo rapido e facile da fare, potrebbe anche essere messo a disposizione dei Pediatri di famiglia così da poter diagnosticare in modo non invasivo l’infezione da Coronavirus. Perlomeno nei bambini piccoli tra i 3 e i 6 anni che spesso sono soggetti a forme virali e dovrebbero ricorrere spesso al tampone nasofaringeo per verificare che non si tratti di Covid-19. Senza contare le code che si formano nei drive-through”. Come spiega Zuccotti, professore di pediatria e preside di Medicina e chirurgia alla Statale di Milano.

bambini TEST SALIVARI
Adobe Stock

“Un esame che appare efficace nell’identificare i soggetti con alta carica virale nella saliva anche nei casi pre-sintomatici e asintomatici – spiegano dalla Statale -. In questo modo si isolano i ‘superspreader’, responsabili dell’80% dei contagi”, secondo quanto emerge dagli ultimi dati della letteratura”.

(Fonti: Ansa, Skytg24, Il Messaggero)