Giuseppe Conte minaccia: “Rispettiamo le misure o nuovo lockdown”

Durante la sua ultima conferenza stampa Giuseppe Conte minaccia la possibilità di un nuovo lockdown: “Noi vogliamo evitarlo”

conte conferenza stampa
Foto da Facebook @GiuseppeConte64

Il presidente Conte si esprime sul lockdown durante la conferenza stampa in diretta in questo momento.

Le sue parole accendono i riflettori sulla questione “quarantena“.

Il premier, infatti, non esclude che si possa ritornare ad un lockdown generalizzato.

Giuseppe Conte minaccia nuovo lockdown: “Non lo vogliamo”

giuseppe conte minaccia lockdown
Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images

Anche mentre risponde alle domande dei giornalisti il premier Giuseppe Conte non esclude la possibilità ci sia un nuovo lockdown.

Se le misure prese dall’ultimo DPCM non verranno rispettate, infatti, Conte non esclude il probabile ritorno di una nuova quarantena generalizzata.
Il premier, però, ribadisce che non è nelle intenzioni del Governo imporre un nuovo lockdown.

La pandemia in atto, infatti, ha messo a dura prova il nostro paese e sono molte le proteste di piazza che da Nord a Sud stanno smuovendo le nostre piazze.

Nonostante il presidente abbia deciso di non condannare questi atti e di dirsi vicino a tutti gli italiani che in questo momento stanno soffrendo, non esclude l’ipotesi peggiore.

Secondo le parole di Conte, quindi, non si sono trovate proposte alternative migliori a quelle proposte nel nuovo DPCM per contenere il contagio.
Scongiurare il rischio che la pandemia sfugga di nuovo al controllo è primario per il Governo.

Il presidente ricorda anche che non è nelle sue intenzioni fare differenze tra attività “di serie A” ed attività di “serie B”.
Sostiene che le scelte effettuate non siano “indiscriminate” e sostiene con tranquillità che le critiche, visto che siamo in democrazia, non possono essere eliminate.

Il suo piano per il Decreto Ristoro dovrebbe, dunque, assicurare che la decongestione degli spazi pubblici permetta al nostro paese di arrivare tranquillamente a Dicembre.
Specialmente gli ospedali e terapie intensive, quindi, privi dello stress nel quale il numero dei casi di oggi li sottopone, potrebbero affrontare i prossimi mesi con una relativa calma.

Queste disposizioni, queste “scelte dolorose” di oggi sarebbero propedeutiche per evitare un nuovo lockdown generalizzato che, sebbene minacciato, non è nelle intenzioni del Governo.

Sì, invece, a lockdown locali che il decreto, invece, prevede per le situazioni al limite.

conte dpcm
Foto da Facebook @GiuseppeConte64

Una nuova quarantena, quindi, potrebbe essere possibile se a fine mese la curva del contagio non sarà tornata a livelli “normali”.

L’invito a rispettare le norme di sicurezza, però, arriva forte e chiaro.

Il Governo di certo non vuole il lockdown ma non si farà scrupoli nell’imporlo se dovesse servire.

Da leggere