La sindrome dell’occhio secco: cos’è, cause, sintomi e cure

La sindrome dell’occhio secco è una patologia molto diffusa che riguarda la lubrificazione dell’occhio. Vediamo le cause, i sintomi e le cure.

sindrome dell'occhio secco
Adobe Stock

Si tratta di una malattia molto diffusa: è la sindrome dell’occhio secco, considerata una  patologia cronica, investe all’incirca il 25% della popolazione italiana, in particolare le donne in menopausa.

Si tratta di un’alterazione quantitativa o qualitativa del film lacrimale, composto principalmente d’acqua (90%) e in minima parte da sostanze grasse (10%).

Può manifestarsi con una ridotta produzione lacrimale, ovvero l’ipolacrimia o con un’eccessiva evaporazione lacrimale, la dislacrimia. Scopriamo di più.

Quali sono le cause dell’occhio secco

occhio secco
Adobe Stock

La sindrome dell’occhio secco è una patologia che investe 350 milioni di persone in tutto il mondo. In Italia investe il 25% della popolazione colpendo soprattutto le donne dopo i 45 anni (50%) e quelle in menopausa (90%).

Con l’avanzare dell’età è una malattia che peggiora e le cause scatenanti sono:

  • stili di vita scorretti
  • alimentazione squilibrata
  • disfunzioni metaboliche e ormonali
  • malattie autoimmuni come lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, sclerodermia, sindrome di Sjögren ecc.
  • inquinamento atmosferico
  • uso di farmaci

Inoltre, ci sono delle situazioni che possono acutizzare o peggiorare la patologia come l’uso eccessivo di lenti a contatto, aria condizionata, esposizione al sole, uso eccessivo di tv e schermi vari come cellulari, computer, tablet. Ma anche allergie al polline o stress.

Sintomi dell’occhio secco

occhio secco
(Adobe Stock)

I sintomi che si presentano con la sindrome dell’occhio secco, da non confondere con la congiuntivite che può comunque sopraggiungere a chi soffre di questa patologia, sono:

  • bruciore
  • arrossamento
  • prurito
  • secrezioni
  • visione offuscata
  • sensazione di corpo estraneo nell’occhio
  • fotobobia
  • lacrimazione irregolare
  • riduzione di capacità di lettura
  • difficoltà di apertura degli occhi al risveglio
  • dolore e annebbiamento visivo nei casi più gravi

Chi soffre di questa patologia, spesso ha anche disturbi alla gola e ai seni paranasali, come congestione nasale, tosse cronica, raffreddori frequenti, mal di testa, congestione all’orecchio e allergie.

Come si cura

sindrome occhio secco
Adobe Stock

Inizialmente per curare la sindrome dell’occhio secco dovremmo porre attenzione alle nostre abitudini. Sicuramente sarà utile controllare la dieta, bere molta acqua e mangiare frutta e verdure. Anche tenere abbasta umidificati gli ambienti dove viviamo ha un ruolo importante. E limitare l’uso di schermi.

Ovviamente dopo che l’oculista avrà diagnosticato la patologia, ci consiglierà dei colliri o gel che svolgono un’azione detergente, lubrificante e disinfettante. Poi, potrà prescriverci degli antinfiammatori mirati. Generalmente i corticosteroidi ad uso locale, le tetracicline e un collirio a base di ciclosporina. Altrimenti ci sono dei sostituti lacrimali biologici.

Un altro trattamento è la pulizia delle ghiandole di Meibomio con una cannula. Si pratica in ambulatorio e consiste nel mettere una goccia di collirio anestetico per risolvere la disfunzione delle ghiandole. Altrimenti c’è la luce pulsata per stimolare le suddette ghiandole. Si può procedere anche con l’occlusione dei puntini lacrimali con dei tappi in collagene.

Ma dovrà essere lo specialista a valutare caso per caso come procedere.

 

 

 

 

Da leggere