Home Attualità Allerta alimentare: ritirata formagella

Allerta alimentare: ritirata formagella

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:09
CONDIVIDI

Un lotto di formagella è stato ritirato per possibile presenza di Esterichia coli.

formagella allerta alimentare
Formagella – Fonte: Adobe Stock

Questo mese il boom di allerte alimentari sembra non volersi arrestare.
Tra le tante, una delle più recenti riguarda una formagella del Luinese. È stato infatti emanato un richiamo per un lotto specifico e tutto per presenza di Esterichia Coli.

Presenza di Esterichia coli in formagella del Luinese

formagella allerta
formagella su tagliere – Fonte: Adobe Stock

Il richiamo arriva dal Ministero della Salute che sul suo sito ha emanato una nota per un lotto di formagella del Luinese. A seguire tutte le indicazioni per riconoscerla.

  • Nome: Formagella del Luinese DOP
  • Ragione sociale OSA: Azienda Agricola Il Vallone di Crivelli Mattia
  • Lotto di produzione: 18E
  • Marchio di identificazione del produttore: CE IT 03 546
  • Nome del produttore: Peloso Paride
  • Sede dello stabilimento: Via S. Pietro 12, 21030 Rancio Valcuvia (VA)
  • Confezione: Preincarti di vario peso
  • Motivo del richiamo: Rischio microbiologico – Possibile presenza di Esterichia Coli Stec

L’esterichia coli stec è un batterio pericoloso che si può trovare, tra le altre cose, nelle carni o nei formaggi a latte crudo e non pastorizzato.

I sintomi, che in genere compaiono in 3 o 4 giorni sono solitamente di tipo gastrointestinale e vanno da diarrea lieve a forme più grave che si accompagnano a forti dolori addominali.
Nei più piccoli e in una minoranza della popolazione, la situazione può aggravarsi portando ad una patologia chiamata sindrome emolitico uremica che può creare gravi problemi ai reni.

Qualora si fosse acquistato il lotto di formagella sopra indicato, il consiglio è quindi quello di non consumarlo e di riportarlo indietro per ottenere il cambio con un altro prodotto o il rimborso.
Se si fosse già consumata prima di leggere l’avviso è preferibile consultare il proprio medico curante in modo da poter agire per tempo e prima che sopravvengano eventuali sintomi.

Mantenersi sempre informati aiuta ad essere consumatori consapevoli ed in grado di prendersi cura di se e della propria famiglia.

recall
Cartello recall – Fonte: Adobe Stock

Le allerte alimentari sono infatti più frequenti di quanto si pensi (proprio in questi giorni era stato notificato il richiamo per dei biscotti al cacao) e conoscerle per tempo è un modo più che valido per darsi una mano ed assicurarsi di consumare sempre gli alimenti giusti.