Home Gossip Kanye West | La promessa elettorale: “La mia Casa Bianca come Wacanda”

Kanye West | La promessa elettorale: “La mia Casa Bianca come Wacanda”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25
CONDIVIDI

Kanye West vuole arrivare alla Casa Bianca per far valere gli ideali cristiani, complottisti e antivaccinisti: il suo motto? “Yes”

Kanye West casa bianca
(Fonte: Instagram)

Se c’è una cosa che Kanye West sa fare è pensare in grande. Il marito di Kim Kardashian è uno dei rapper e dei produttori più potenti d’America e, con un solo dito, è in grado di spostare milioni.

Proprio per questo motivo non stupisce affatto che il rapper abbia scelto come riferimento per la sua idea di Casa Bianca il regno immaginario di Wacanda.

A parte pensare molto in grande, però, West non si intende moltissimo di politica, del quale non si è mai interessato prima di decidere di concorrere per la carica di Presidente.

Nella sua lunghissima intervista a Forbes (pare sia durata ben quattro ore) il marito di Kim ha spiegato che il suo obiettivo è “distribuire la terra e diffondere la parola di Dio”: gli Americani lo voteranno?

Kanye West alla Casa Bianca: né con Trump né con Biden

Gli schieramenti politici americani sono solo due. Repubbblicani (partito conservatore, votato principalmente dai bianchi e che ha portato Trump alla Casa Bianca) e i Democratici (partito liberale, votato principalmente dalle minoranze progressiste e che ha portato alla Casa Bianca Barak Obama).

In linea generale, quindi, ci si aspetterebbe che un uomo nero e di successo votasse con entusiasmo il partito Democratico, che nel corso di questa tornata elettorale propone Joe Biden come candidato.

Il problema è che Biden, durante la sua campagna elettorale, ha pronunciato una frase che non è andata affatto giù a Kanye West: “Un nero che non vota i Democratici non è un nero”.

Non potendo accettare che un uomo bianco come Biden gli dicesse come essere o non essere nero, Kanye West ha ben pensato di allontanarsi dai Democratici e sta progettando di correre alla Casa Bianca come candidato indipendente, senza quindi appoggiarsi all’elettorato dei Repubblicani o dei Democratici.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Elezioni USA | Il marito di Kim Kardashian si candida? Fedez risponde

Se sta accarezzando un’ipotesi così coraggiosa, ci si aspetterebbe che Kanye West abbia un programma politico preciso e vincente, molto articolato e in grado di raccogliere consensi da ogni parte dell’elettorato.

E invece, a quanto emerso dall’intervista concessa a Forbes, su alcuni punti piuttosto importanti per un candidato politico, come le tasse e la riforma del sistema fiscale americano, West non ha ancora avuto tempo di farsi un’idea.

Per quanto riguarda il marketing, però, il rapper va alla grandissima. “Ho deciso di chiamare il mio partito Birthday Party, perché quando vincerò sarà come se fosse il compleanno di tutti” ha dichiarato orgogliosamente West.

Tra le altre idee geniali quella di distribuire la terra tra la popolazione più povera in maniera che chi non ha mezzi di sussistenza possa coltivare il proprio cibo e in questo modo sconfiggere la fame.

Per quanto riguarda invece un argomento caldissimo per la politica interna americana, cioè la pandemia di Coronavirus, Kanye West ha affermato di aver avuto tutti i sintomi del virus.

SULLO STESSO ARGOMENTO:  Coronavirus | Donald Trump: iniezioni di candeggina per uccidere il virus

Li avrebbe sconfitti guardando video su internet che gli dicevano cosa fare e facendosi diverse docce al giorno. Se anche dovesse arrivare un vaccino, fa sapere, non avrebbe alcuna intenzione di farselo o di farlo fare ai suoi diversi figli. “I vaccini sono il Marchio della Bestia” ha affermato con convinzione.

Proprio in merito alla Bestia, sconfiggere il male e diffondere la parola di Dio è uno dei cardini del programma del candidato a Presidente West: una delle armi principali a questo scopo sarà il sostegno a tutte le associazioni pro vita, ovvero quelle che combattono per rendere illegale l’aborto. Nella sua Wacanda, infatti, ci sarà moltissimo spazio per Nostro Signore: “Quel che voglio è reintegrare Dio nel suo stato. Voglio che questo torni ad essere il Paese di Dio, che l’amore e la paura che incute Nostro Signore siano insegnate in tutte le scuole e associazioni”.

Non resta che scoprire se la candidatura di Kanye West, che attualmente è solo informale, verrà presentata in sede legale e il milionario deciderà davvero di investire in questo progetto. A sostenerlo ci saranno di sicuro sua moglie e un altro eccentrico di prima categoria: Elon Musk.