Caso marò | Processo sarà in Italia per l’India solo un risarcimento

Il caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone è arrivato ad una svolta. Il processo per quella sparatoria in India del 2012 sarà a Roma

Caso marò, il Tribunale internazionale dell’Aja ad oltre 8 anni di distanza dall’incidente ha preso una decisione. Il processo a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due militari coinvolti in un conflitto a fuoco in India, sarà in Italia. Il nostro governo dovrà comunque risarcire i danni alle famiglie dei due marinai uccisi e al capitano del peschereccio colpito il 15 febbraio del 2012.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Caso Marò: Salvatore Girone presto di nuovo in Italia

In Olanda è stata quindi riconosciuta l’immunità internazionale dei due fucilieri che erano sul posto in missione. Quindi la giurisdizione tocca ad un tribunale italiano e non indiano.
Una svolta a lungo attesa, anche perché la prima audizione davanti al Tribunale internazionale de l’Aja risale al novembre 2015. Intanto i due militari erano rimasti per diversi mesi agli arresto domiciliari nella nostra ambasciata in India. Poi erano rientrati in Italia nel settembre 2014 e nel maggio 2016. Ora, accanto al processo che si celebrerà a Roma, scatterà l’indennizzo che dovrà essere concordato tra i due Paesi.