Primo Maggio, le parole di Conte | “Chiedo scusa a tutti per il ritardo”

0
4

Su Facebook, rispondendo ad alcune sollecitazioni per il Primo Maggio, il premier Conte chiede perdono per i ritardi nel sostegno ai lavoratori in difficoltà


Primo Maggio, il premier Conte ha scelto la Festa dei Lavoratori per rispondere a quei milioni di italiani in profonda crisi. “Chiedo scusa a nome del governo. Vi assicuro che continueremo a pressare perché i pagamenti e i finanziamenti si completino al più presto”. E ha spiegato che il governo sta studiando un altro provvedimento con misure e aiuti concreti, in tempi ancora più rapidi, senza troppa burocrazia.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Covid-19 | Conte boccia le iniziative autonome delle Regioni

Conte sa bene che il lavoro sta diventando un problema insormontabile Intanto ringrazia quelli che hanno continuato nella loro opera durante l’emergenza, come medici e infermieri. Ma anche chi ha lavorato per assicurare a tutti soccorso, assistenza e sicurezza oltre ai beni essenziali. Assicura che ascolterà e raccoglierà le sollecitazioni di tutti, non saranno parole al vento. In più rispondendo alla domanda di un barbiere, chiude così: “Sono sicuro che con il rispetto delle regole adottate in alcuni territori si potrà rallentare notevolmente la curva del contagio”.

Federico Danesi

Conte
(Getty Images)