Home Curiosita Totò e la poesia che ogni sposo avrebbe voluto scrivere

Totò e la poesia che ogni sposo avrebbe voluto scrivere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:37
CONDIVIDI

Scopri la poesia che Totò dedico agli uomini single che vorrebbero fuggire a vita dalle gioie coniugali o, meglio, dall’altare stesso.

totò poeta
Foto da Instagram @francesco_mancino84

Quaranta versi in tutto, svelati nell’aprile 2017 in occasione diana mostra dedicata a Napoli ad uno dei comici più amati al mondo, Totò.

L’attore, principe della risata per antonomasia, dedicò infatti una poesia a quegli uomini che si ostinano a fuggire dalle gioie del matrimonio, gli esterni single che mai vorrebbero cedere a quell’esame vissuto come vere e proprie catena.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Poesia di Erri De Luca, “Mamma Emilia”: versi dedicati a tutte le madri

Totò O’ Matrimonio, sfogo di un futuro sposo

Totò poesia
Photo by Keystone/Hulton Archive/Getty Images 

Un uomo adulto, la mamma losanga finalmente sistemato ma lui in quella sistemazione non vede proprio nulla di buono.

Secondo gli esperti si tratta di una poesia autobiografica, un uomo anziano che vede la potenziale moglie come un estraneo da cui fuggire a gambe levate.

SULLO STESSO ARGOMENTO: “Quando un uomo mi dice che sono bella”, la poesia che ha fatto impazzire il web

‘O matrimonio

M ò songhe n’ommo anziane:

stonghe ‘nzurdenno ‘e recchie

e ‘a vista s’alluntana!

Ero ‘nu schiavuttiello:

mo songhe fumo ‘e Londra!

Zumpavo ‘a campaniello

e mò tutto me và contro.

S’allasca la memoria…

me scordo tutte cosa:

me faccio ‘o promemoria

si voglio fà quaccosa!

Mammà mi disse: «Sposati,

ormaie tiene ll’età!»

E m’abboffano ‘e chiacchiere

assieme ‘cu papà;

ma io songhe cuntrario,

nun me voglio ‘nzurà!

‘ J tengo tanta esempie,

pecche m’aggià ‘nguaià?

M’aggia spusà ‘na femmena

ca nun saccio chi è…

M’aggià ‘ngullà n’estranea… Chi m”o fa fà e pecchè?

Sapimmo ‘o matrimonio ch’effetto me pò fà?

E si caccio nu vizio

‘a chi ‘o vaco ‘a cuntà?

Può essere maniaca sessuale

e in una notte tragica

me pò fa pure ‘a pella…

‘A chi vaco ‘a recorrere?

‘O conto ‘a don Guanella?

‘J ‘a notte sò sensibile,

me pozzo scetà ‘e botto…

me veco chesta estranea

‘ca se fà sotto sotto!

Mettiamo un giorno a tavola pranzanno, st’assassina,

me mette ‘e barbiturice

dint”o bicchiere ‘e vino…

SULLO STESSO ARGOMENTO: First Kiss: venti sconosciuti si baciano, la poesia di Tatia Pilieva 

(La traduzione)

Ormai sono un uomo
anziano:
sto perdendo l’udito
e la vista si indebolisce!
Ero bruno di capelli:
ora sono fumo di Londra!
Saltavo la campanella
e adesso mi va tutto storto
La memoria si allenta…
dimentico tutto:
mi faccio un promemoria
se voglio fare qualcosa!
Mamma mi disse: «Sposati,
ormai hai l’età!»
E mi riempì di chiacchiere
insieme con papà;
ma io sono contrario,
non mi voglio ammogliare!
Ho tanti esempi,
perché mi devo inguaiare?
Devo sposare una donna
che non so chi sia…
Devo sorbirmi un’estranea…
Chi me lo fa fare e perché?
Sappiamo il matrimonio
che effetto mi può fare?
E se tiro fuori un difetto
a chi lo vado a dire?
Può essere una maniaca
sessuale
e in una notte tragica
mi può anche fare la pelle…
A chi posso chiedere aiuto?
Lo racconto a Don Guanella?
Io di notte sono sensibile,
Mi posso svegliare
all’improvviso…
vedo questa estranea
che si avvicina!
Mettiamo un giorno a tavola
pranzando, ‘st’assassina,
mi mette i barbiturici
nel bicchiere di vino…

Tra l’ironico e l’autoironico ecco dunque i versi dedicati da Totò al giorno più bello o, in questo caso, il più temuto.

Fonte: corriere.it