Home Salute e Benessere Psiche Quarantena | Come superarla dal punto di vista psicologico

Quarantena | Come superarla dal punto di vista psicologico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:00
CONDIVIDI
w l'Italia il messaggio diventato virale su whatsapp
Donna con smartphone in mano – Fonte foto: Pixabay

Far uso della tecnologia. Può sembrare strano ma mai come adesso, internet e la tecnologia sono stati importanti. Grazie alla presenza online si possono fare diverse cose come restare informati, sentire e vedere persone anche lontane e approfittare delle tante offerte per poter vedere serie tv gratis, ascoltare musica, iniziare corsi nuovi, studiare online, vedere musei gratuitamente e da casa, imparare nuove ricette, etc…

Si tratta di un vantaggio non da poco che un tempo in situazioni simili non era neppure concepibile e che oggi, invece, rappresenta un vero e proprio sostegno, sopratutto per cui è solo. Oltre ad aprirsi con gli altri, quindi, si può scegliere di organizzare aperitivi o cene da condividere online con gli amici di sempre, esattamente come se ci si trovasse fuori. Un modo diverso per stare insieme e dove, per una volta, gli smartphone non saranno una distrazione ma un mezzo di congiunzione. Un cambiamento non da poco, no?

Potrebbe interessarti anche -> Ecofobia: come guarire dalla paura di restare soli in casa

Scoprire le proprie risorse. Spesso da una situazione di disagio si può scoprire le proprie risorse. Ci si mette alla prova e ci si rende conto che anche se con fatica si riescono a fare molte più cose del previsto. Ciò aiuta sicuramente ad aumentare la propria autostima e al contempo, rende man mano sempre più resilienti.

Un buon modo per vivere questo periodo è quindi quello di guardarsi dentro non solo in cerca di se stessi ma anche dei propri punti di forza. Ripartire dalle proprie risorse e lavorare su di esse per farle crescere è infatti un ottimo modo per migliorarsi e per trarre dei modi alternativi di superare le difficoltà di ogni giorno.

Aver cura della propria situazione. Ognuno di noi si trova in una posizione diversa dagli altri che può essere considerata fortunata sotto certi punti di vista e a rischio sotto altri. Ci sono i single che possono contare sulla libertà personale ma che, di contro, hanno la solitudine. Le coppie sposate che non sono mai sole ma che possono sentirsi costrette in casa. C’è chi si trova a lavorare da casa mentre tutti gli altri sono in riposo forzato e chi non lavora ed invidia chi sta lavorando da casa.

E poi ci sono i genitori separati che non sanno come dividersi i figli, le famiglie lontane che possono solo vedersi tramite le videochiamate (e meno male che ci sono) e le coppie lontane. Insomma, le situazioni sono tante e varie ed è giusto che ognuno si prenda cura della propria cercando di apportare dei cambiamenti utili a sentirsi meglio e a poter vivere il tutto nel miglior modo possibile.

Potrebbe interessarti anche -> Combattere la noia cronica. Sei sempre annoiato? Ecco come uscirne

notizie salute
Persona che scrive al pc – Fonte: IStock photo

Iniziare qualcosa di nuovo. Approfittare di questo periodo di tempo per pensare di più su se stessi e alla propria vita è sicuramente un dato positivo ma non deve diventare una costante. Per occupare il tempo in più è importante iniziare qualcosa di nuovo. Non importa se si tratta di una serie tv che si voleva vedere da anni o di un corso per imparare a suonare la chitarra.

Di qualunque cosa si tratti, ciò che conta davvero è riuscire ad impegnarsi in qualcosa che faccia pensare al futuro in modo positivo e che non lo faccia apparire come un puntino lontano e confuso. Inoltre si tratta sempre di un buon modo per conoscersi meglio e per imparare qualcosa di nuovo che potrà essere integrato in futuro.

Chiedere aiuto. Anche saper chiedere aiuto è una forma di maturità e di conoscenza di se che andrebbe alimentata al fine di star meglio. Online ci sono diversi modi per attingere ad un supporto psicologico gratuito che può consistere in una telefonata da fare a qualcuno disposto ad ascoltare i problemi più gravosi o in una videochiamata con lo psicologo, al fine di poter parlare insieme dei problemi e della tristezza che si avverte per via della quarantena.

Ovviamente si può anche iniziare un vero e proprio ciclo di terapia per parlare di se e approfittare del momento per scaricare la tensione e migliorare al contempo la propria vita.

Potrebbe interessarti anche -> Ansia da risveglio: cos’è e come contrastarla

meditazione
Donna che medita – Fonte: Pixabay

Prendersi cura di se da un punto di vista psicologico è un buon modo per assicurarsi il più possibile il benessere anche durante la quarantena. Ciò che conta è non prendersi mai in giro ed essere gentili e amorevoli verso se stessi così come con gli altri. Purtroppo, al di là di stare a casa e di aver cura della nostra salute e di quella delle persone più fragili, non possiamo fare nulla per cambiare le cose in questo momento. Ma possiamo fare qualcosa per cambiare noi stessi in modo da diventare persone più forti e migliori.

Scritto da Danila Franzone