Coronavirus | Niente più video in alta definizione: lo dice l’UE

0
14

Con il Coronavirus non si guardano i video in HD: è quello che ha consigliato l’UE a tutti i suoi cittadini. Non si tratta di un capriccio, ma della necessità di aiutare chi è costretto ad adattarsi allo smartworking.

coronavirus video
(Foto: instagram)

Il Coronavirus sta imponendo una serie di rinunce gravissime agli italiani, tra cui quella della libertà di lasciare la propria abitazione per trascorrere tempo all’esterno.

Non appena i cittadini si sono trovati chiusi in casa, com’era prevedibile, si sono attaccati alla rete web.

Alcuni hanno cominciato a lavorare in smartworking e quindi a utilizzare la rete internet per scopi professionali.

Molti altri però hanno affidato alla rete gran parte del proprio intrattenimento durante la quarantena, guardando film e video in streaming per ingannare la noia.

In questo modo le infrastrutture digitali di mezzo mondo hanno cominciato a scricchiolare a causa del sovraccarico.

La conseguenza diretta di questo stato di cose è il peggioramento della qualità della connessione in tutti i paesi interessati dalla quarantena.

A questo punto, l’Unione Europea ha deciso di dare ai cittadini le proprie direttive.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE => Come far passare il tempo durante la quarantena volontaria

Coronavirus: rinunciare ai video in alta risoluzione è un dovere civile

Netflix mette fine alla condivisione degli account tra amici
Netflix logo (Fonte: Getty Images)

Durante le ore di punta, cioè durante quelle che in tempi normali sarebbero ore lavorative, i cittadini europei che non stanno usando la rete per lavorare o per seguire le lezioni scolastiche dovrebbero rinunciare a vedere video in alta qualità in maniera da lasciare le risorse digitali del proprio paese a disposizione di coloro che ne hanno stretta necessità, evitando di rallentare il lavoro dei professionisti che in questo momento non possono recarsi sul posto di lavoro.

L’appello dell’Unione Europea è stato accolto da Netflix, che lo ha fatto rimbalzare anche attraverso i propri canali. A dare la propria disponibilità all’Unione Europea è stato l’amministratore delegato dell’azienda, Reed Hastings.

Naturalmente il problema dell’utilizzo eccessivo della rete internet globale non riguarda soltanto i video caricati in streaming su Netflixtutti i video, guardati attraverso qualsiasi piattaforma, da YouTube a Youporn, dovrebbero essere settati in SD (Standard Definition) per il bene della comunità.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.