Insonnia | Facciamo bene ad assumere melatonina?

0
49

La melatonina regola il nostro ritmo veglia-sonno. Scopri come agisce esattamente sul nostro organismo, perché fa bene alla salute e come integrarla.

Dormire meno di 7 ore a notte ha un grave impatto sul nostro corpoLa melatonina è un ormone prodotto naturalmente dall’organismo che regola i ritmi biologici e viene anche prodotto sinteticamente in laboratorio. Aiuta davvero a dormire? La melatonina sintetica è sicura?

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Melatonina: dovrebbe essere presa o no?

Mangiare senza ingrassare è possibile grazie ad una pillolaLa melatonina è prodotta principalmente dalla ghiandola pineale (o epifisi), una struttura delle dimensioni di un pisello alla base del cervello. Ha molteplici implicazioni su molte funzioni del nostro corpo ma il suo effetto principale rimane la sincronizzazione del ciclo sonno / veglia. La melatonina decide quando addormentarci.

Esiste anche sotto forma di integratori alimentari. Questo ormone sintetico, a lungo utilizzato dagli assistenti di volo per compensare il jet lag, è sempre più popolare per combattere i disturbi del sonno. Ma dovresti sapere che dovrebbe essere prescritto con saggezza e non è adatto a tutti.

Venduta in compresse da 2 mg, la melatonina è un farmaco su prescrizione e riservata alle persone di età superiore ai 55 anni che hanno difficoltà ad addormentarsi, o che si svegliano di notte o troppo presto. Si raccomanda generalmente di ingerire la melatonina a rilascio prolungato 30 minuti prima di coricarsi.

Melatonina negli integratori alimentari

In dosi più basse, generalmente 1 mg, la melatonina esiste anche come integratore alimentare, è un prodotto da banco spiega Ferini Strambi (presidente della World Association of Sleep Medicine e direttore del Centro di Medicina del Sonno dell’Irccs Ospedale San Raffaele Turro a Milano) sul sito Repubblica.it aggiungendo che è “meglio preferire quella pura, cioè non associata ad altri principi come vitamine o estratti vegetali”.

Questi integratori alimentari contenenti melatonina possono avere effetti collaterali in alcune persone. La National Health Security Agency la sconsiglia alle donne in gravidanza e in allattamento, a bambini e adolescenti, ai pazienti che soffrono di una malattia infiammatoria (morbo di Crohn, colite ulcerosa, artrite reumatoide, ecc.) o autoimmune. Inoltre consiglia di sentire il parere di un medico anche se si sta seguendo un trattamento farmacologico ansiolitico o antidepressivo.“Può causare tachicardia e sarebbe meglio non usarla in chi soffre di disturbi dell’umore perché in alcuni soggetti potrebbe favorire uno stato depressivo mentre in altri ansia o irrequietezza”

Prese queste precauzioni, il protocollo di base consiste nel prendere la melatonina 3-4 ore prima del momento del sonno spontaneo, ad esempio alle 11 di sera se ci si addormenta solitamente tra le 2 e le 3 di mattina.

Sonno, jet lag: la melatonina è efficace?

Il cosiddetto “ormone del sonno” è efficace solo in alcuni casi:

  • insonnia a causa di un ritardo nella fase del sonno, principalmente a causa di cattive abitudini (prima di coricarsi, uso di schermi, ecc.);
  • insonnia nelle persone con più di 55 anni, specialmente se la persona si sveglia troppo presto;
  • nelle persone che soffrono di morbo di Parkinson o demenze: la melatonina li aiuta a stabilizzare il sonno e rende le notti meno irrequiete.

La melatonina può anche migliorare i sintomi del jet lag ma non i disturbi di insonnia legata all’ansia o in caso di risveglio precoce a causa della depressione.

Melatonina e rischio di dipendenza?

Nessuno studio ha mostrato questo legame. Possiamo quindi interrompere l’assunzione di melatonina senza soffrire di sintomi di astinenza, a differenza dei sonniferi convenzionali.

Fonte: santèmagazine

5 modi scientificamente provati per bruciare i grassi durante il sonno