Dieta contro il reflusso gastroesofageo, i consigli per stare meglio

La dieta contro il reflusso gastroesofageo comporta una serie di consigli sui cibi e i liquidi da consumare tutti i giorni e quelli da evitare.

reflusso gastroesofageo ricetta sprint

Le statistiche, confermate dai dati medici, dicono che in Italia almeno il 15% della popolazione adulta soffre di reflusso gastroesofageo più o meno intenso. Un problema di salute che si risolve con le cure ma anche a tavola. Perché esiste anche una dieta contro il reflusso gastroesofageo che attenua i sintomi e si associa alle cure.

Nella maggior parte dei casi, la malattia può essere controllata anche se comporta un continuo bruciore alla bocca dello stomaco e il ritorno del bolo alimentare che a volte arriva fino alla bocca. Un disturbo che è abbastanza diffuso nelle donne e per questo ci sono diversi consigli utili a tavola e nel comportamento di tutti i giorni.
Il primo consiglio utile è quello di tenere sotto controllo il peso. Quindi attenzione a tavola, ma anche una moderata attività fisica quotidiana aiuta. Gli esperti hanno anche stilato un elenco di consigli che vanno bene per tutti quanti soffrono di reflusso gastroesofageo e per chi vuole evitarlo. Intanto evitate i pasti abbondanti, puntando su pasti piccoli e frequenti.

Allo stesso modo evitate cibi e bevande troppo calde o troppo fredde, così come i primi piatti in brodo e troppi liquidi solo durante i pasti. Piuttosto favorite un’alimentazione a basso contenuto di grassi e durante i pasti mangiate lentamente, masticando con tranquillità tutti i bocconi.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Dieta anti reflusso gastroesofageo, alimenti sì e no

dieta reflusso istock

Ma quali sono i cibi che devono entrare in una corretta dieta contro il reflusso gastroesofageo e quali invece sono assolutamente contrari?

Tra quelli consigliati, certamente la carne bianca. Quindi pollo, tacchino, coniglio, vitello, ma anche maiale puntando sui tagli più magri. Magri come i formaggi: primo sale, fiocchi di latte, mozzarella vaccina. E ancora, latte o yogurt scremati o parzialmente scremati, affettati come prosciutto crudo, cotto, speck, bresaola, tacchino. Per il pesce puntate su quelli più leggeri come sogliola, orata, branzino, merluzzo, ma solo una volta alla settimana molluschi e crostacei. Invece almeno una porzione a pasto di frutta e verdura e almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno. Infine olio extra-vergine di oliva, ma sempre a crudo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Cioccolato fondente: dieci e più motivi per cui mangiarlo fa bene

Al contrario gli alimenti non consentiti sono le carni molto cotte come bolliti, ragù e stracotti, le parti grasse delle carni e degli affettati, i cibi fritti e i piatti già pronti. Oppure ancora le salse con panna, i sughi ricchi di olio, burro, margarina oltre ai dolci che contengono creme.
Infine ci sono cibi che possono essere consumati con moderazione. Vino al massimo 2 bicchieri al giorno per gli uomini e uno per le donne, agrumi e succo di agrumi un paio di volte alla settimana, così come cioccolato, pomodoro (soprattutto se crudo), cipolla, peperoni, aglio, peperoncino. Ma è meglio limitare anche thé (caffè anche decaffeinato) e bevande gassate.