Home Attualità Baratta la sua bambina con una macchina usata, scatta l’arresto

Baratta la sua bambina con una macchina usata, scatta l’arresto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43
CONDIVIDI

Madre indagata dalla polizia per aver scambiato sua figlia con un’auto. Questa storia scioccante non ha mancato di provocare l’indignazione delle autorità e dell’opinione pubblica.

Si dice che l’istinto materno sia innato e che una donna quando diventa madre acquisisce magicamente il dono di capire cosa è meglio per suo figlio e istintivamente lo ama più di ogni altra cosa al mondo. Purtroppo non è sempre così, l’istinto materno in certe donne è relativo.

Questo argomento caldo ha attirato l’interesse di molti psicologi. In effetti, il comportamento di alcune donne nei confronti della propria prole suggerisce che esse non sentono la forza di questo legame. L’ennesimo esempio riguada una storia sorprendente trasmessa dal Daily Mail che rivela che una madre ha scambiato la sua bambina con un’auto.

Ti potrebbe interessare anche >>>Madre uccide brutalmente suo figlio perché “voleva essere una figlia”

Scambia sua figlia con un’auto usata degli anni 90

Per Alice Leann Todd, 45 anni, una madre della Carolina del nord sono scattate le manette dopo aver commesso uno dei peggiori orrori. La donna ha stretto un accordo con Tina Marie Chavis e suo marito Vicencio Romero, rispettivamente 47 e 53 anni.

Quest’ultimi hanno accettato di consegnare la propria auto, un Laser Hatchback di Plymouth, in cambio di una bambina di 2 anni. Ma questo scambio è stato effettuato a porte chiuse. Gli agenti di polizia sono venuti a conoscenza del caso solo dopo che la bambina è stata portata in un ambulatorio medico.

Tina Marie, la nuova “madre” della bambina, la portò in un centro medico per una presunta reazione allergica. Tuttavia, la bambina è stata trovata con lividi su tutto il corpo che non sono passati inosservati ai medici che si sono posti diverse domande. Convinti  che la bambina fosse stata maltrattata i medici hanno immediatamente contattato i servizi di protezione dei minori.

Quando gli investigatori hanno chiesto a Tina Marie i documenti attestanti il ​​rapporto di maternità con la bambina la donna non è stata in grado di rispondere a questa richiesta e fu costretta a confessare di averla adottata. Alla fine gli investigatori hanno scoperto la sordida storia di questa povera bambina di 2 anni che è stata scambiata per un bene materiale degli anni ’90.

Per la polizia ovviamente si tratta di una transazione non plausibile. La madre biologica della bambina, così come la coppia coinvolta nello scambio, sono stati arrestati per “vendita, consegna e acquisto illegale di minori”. Sono stati imprigionati con un deposito cauzionale di $ 50.000. La bambina è stata collocata presso un membro della famiglia ed è ora al sicuro.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

L’istinto materno visto dagli esperti

 (Istock Photos)

È comunemente accettato che una madre, quando ha un bambino nel suo grembo materno, provi emozioni molto speciali. Inoltre, il feto percepirà tutte le fluttuazioni emotive della madre durante la gravidanza.

Da quel momento in poi, il prezioso legame che unirà il bambino a sua madre si stabilizzerà naturalmente. Questo istinto sarebbe comune a tutti i mammiferi, le metafore che includono gli animali vengono spesso utilizzate per descrivere il comportamento di una madre con la sua prole. Ad esempio, una madre protettiva con suo figlio viene chiamata “madre – chioccia” mentre una madre che è pronta a combattere per suo figlio è una “madre-leonessa”.

Françoise Héritier, antropologa e neurobiologa, ritiene che la nozione di istinto materno possa applicarsi ai mammiferi, ma non agli umani. Perché? Per la semplice ragione che l’uomo ha una coscienza e un libero arbitrio. Pertanto, le sue azioni e i suoi pensieri sarebbero determinati dalla sua stessa volontà. Per l’antropologa, l’amore di una madre per il figlio non è innato e sarebbe relativo per ogni donna.

Anche la psicologa Catherine Vidal e la psicologa Maryse Vaillant affermano che il cervello umano è complesso e non risponde solo agli istinti primari. Di conseguenza, gli ormoni non determinerebbero l’amore che una madre può avere per suo figlio.

Per gli esperti, affermare l’esistenza di un istinto materno sarebbe riduttivo per le donne. In effetti, quest’ultimo sarebbe quindi ridotto agli stessi meccanismi comportamentali di un animale, incapace di pensare e esprimersi liberamente. Pertanto, per gli esperti, ogni donna sarebbe unica in base alle sue esperienze e al suo contesto sociale. Alcune madri quindi sentono rapidamente un amore incondizionato per il loro bambino, compresa la protezione e la devozione, mentre altre provano solo indifferenza.

Foto da iStock