Home Attualità Madre uccide brutalmente suo figlio perché “voleva essere una figlia”

Madre uccide brutalmente suo figlio perché “voleva essere una figlia”

CONDIVIDI

Questa storia sta sconvolgendo l’opinione pubblica mondiale, l’ennesima di maltrattamento di minore ma coinvolge una madre che è stata accusata di aver tagliato il membro di suo figlio prima di decapitarlo perchè voleva essere nato femmina

Questa orribile storia è stata trasmessa da diversi media tra cui il Dailymail. La violenza contro i bambini è un dato di fatto, ma quando avviene avviene tra le mura domestiche è difficile da comprendere e lo è ancor più se sono i genitori a fare del male ai propri figli.

Nessuno nasce genitore, tutti imparano a diventarlo. E quando una persona si assume questa responsabilità, è ovvio che è garante del benessere di suo figlio. Eppure ci sono molti genitori che intenzionalmente fanno del male ai propri figli.

Di fronte a questi flagelli, si sente la necessità di svegliare le coscienze imperativamente e a livello mondiale, come ha fatto questo youtuber per sensibilizzare l’opinione pubblica sui matrimoni dei minori ceduti per soldi dai genitori a persone spesso anziane. Recentemente è stato diffuso da questo youtuber il video di un finto matrimonio bambino-anziano a New York divenuto virale per via della reazione dei passanti.

Questo video e i tantissimi episodi di violenza contro i bambini dimostrano che questi fatti sono numerosi e reali. Vulnerabili e incapaci di difendersi, i bambini non comprendono necessariamente la situazione e non hanno sempre il coraggio di reagire per porre fine a torture fisiche, mentali e talvolta sessuali. Il fatto che i loro aggressori siano generalmente le persone che dovrebbero proteggerli complica ulteriormente il processo di denuncia.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Madre uccide il figlio in un modo macabro

Questa storia potrebbe urtare la vostra sensibilità.

Rosana Candido, 27 anni, è la madre di un bambino di nove anni di nome Rhuan. Lei è originaria del Brasile. All’epoca dei fatti era separata e aveva una compagna Kacyla Pessoa, di 28 anni. Questa madre è stata accusata di aver tagliato il membro di suo figlio e di averlo decapitato perchè gli ricordava suo padre. La sua compagna è stata sua complice. Come se ciò non fosse già abbastanza secondo il rapporto della polizia le due donne avrebbero presumibilmente anche cucito un organo femminile sui suoi genitali per soddisfare il desiderio di Rhuan di voler diventare una ragazza.

Tuttavia, non si sono fermate qui. Hanno provato a strappargli gli occhi con un coltello, sua madre lo ha pugnalato una dozzina di volte. Il bambino non solo è stato abusato e aggredito sessualmente dalla propria madre, ma la madre lo ha successivamente ucciso e mutilato.

Dopo aver commesso il crimine, la coppia ha cercato di far sparire il suo corpo. Hanno bruciato parti del corpo del bimbo su un barbecue e poi hanno messo i suoi resti in una valigia che hanno scaricato nelle fogne. Altre parti del corpo del defunto erano nascoste in due zaini nella casa della coppia. Le due donne hanno infine confessato l’omicidio e hanno detto agli investigatori che avevano usato solo strumenti rudimentali per trasformare Rhuan in una ragazza, spiegando che questo era ciò che il ragazzino voleva.

La donna ha cercato di giustificare il suo atto affermando che suo figlio era un peso e che gli stava creando problemi con la sua attuale amante, inoltre suo figlio le ricordava suo padre, che avrebbe abusato di lei per diversi anni. Il padre del bambino, che viveva in Perù, ha spiegato alla polizia che Rosana era fuggita con suo figlio cinque anni prima, dopo aver perso ufficialmente la custodia.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Muore a due anni, babysitter le brucia le natiche per punirla

Proteggi i tuoi figli

È essenziale sensibilizzare i bambini sulla violenza fisica e morale in modo che possano proteggersi e non avere paura di reagire. Inoltre, assicurati che i tuoi figli siano sempre sotto la supervisione di adulti responsabili. Se ritieni che i tuoi figli si trovino in situazioni critiche o sospetti un caso di abuso non esitare ad agire