Home Gossip Sylvester Stallone “non c’è dolore più grande della perdita di un figlio”

Sylvester Stallone “non c’è dolore più grande della perdita di un figlio”

CONDIVIDI
Dopo aver perso il figlio, Sylvester Stallone ammette che non c’è dolore più grande della perdita di un figlio e racconta il suo calvario
Sotto la sua aria impassibile, il famoso interprete di Rambo nasconde crepe che lo rendono un uomo distrutto. Pochi giorni dopo la perdita di suo figlio Sage, l’iconico attore ha scelto di piangere in silenzio bloccato in una dolorosa spirale di colpa e completamente travolto dalla tristezza. Sage è morto improvvisamente per arresto cardiaco all’età di 36 anni. Il ragazzo ha lasciato questo mondo ed anche un padre devastato e distrutto che continua a rendergli omaggio. Questa commovente testimonianza paterna è stata trasmessa dal sito web britannico The Telegraph.

Sotto i riflettori e quando camminano sul tappeto rosso, difficilmente possiamo immaginare che le celebrità che tutti amiamo siano perseguitate da ricordi dolorosi. Tuttavia l’interprete di Rambo non è in alcun modo inaffondabile. Devastato dalla perdita di suo figlio, confida un mese dopo, che il suo cuore si è spezzato il giorno della morte di Sage ed affida ai media il suo viaggio verso la resilienza in questo calvario devastante. 

Un calvario devastante ed un tragico destino

Quando nacque Sage, la vita di Sylvester Stallone prese una svolta diversa per via della felicità e della responsabilità dell’essere padre. Il tesoro di Hollywood ha vissuto intensi momenti di complicità con il suo primo figlio, introducendolo fin dalla tenera età alla boxe. Nulla faceva pensare che l’attore avrebbe perso Sage nel pieno della vita, ma il destino ha deciso diversamente. Da quella morte improvvisa, Sylvester Stallone porta i segni di un lutto incommensurabile.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Sage Stallone, morto per aterosclerosi

Sage Stallone è morto improvvisamente all’età di 36 anni nel suo appartamento a seguito di un attacco cardiaco a causa dell’aterosclerosi, una condizione arteriosa caratterizzata dalla comparsa di placche che compromettono la funzione cardiaca. La sua morte improvvisa devastò Sylvester, che aveva una relazione speciale con il suo primo figlio.

Un dolore incommensurabile

L’attore ammirato da milioni di fan non si è immediatamente espresso in merito a questo evento devastante, ma i media hanno parlato a lungo del travagliato passato di Sage, afflitto dalla tossicodipendenza. Questa storia portata a galla dai giornalisti non ha mancato di aumentare il dolore per quel lutto. Per mettere a tacere le chiacchiere, Stallone chiede l’empatia dei tabloid:

“Quando un genitore perde il figlio, non c’è dolore più forte. Imploro tutti di rispettare il ricordo del mio talentuoso figlio e di provare compassione per sua madre Sasha. Sentiremo questo dolore devastante fino al nostro ultimo respiro “, afferma l’iconico attore.
Ti potrebbe interessare anche >>>Lutto | 5 motivi per cui la morte di un genitore ci devasta a qualsiasi età

Sylvestre Stallone ed il rapporto con suo figlio


La relazione padre-figlio di Sylvester era stata alterata dal suo divorzio, ma l’interprete di Rambo si sforzò di recuperare il rapporto con Sage. Nel 1990, i due complici realizzarono il poster di Rocky V, la quinta dell’iconica saga. Sylvester e Sage hanno condiviso un’eccezionale alchimia sullo schermo e sono apparsi in diverse interviste. Sage ha anche incoraggiato suo padre per il film Daylight, in cui l’interprete di Rambo era il personaggio principale.

Sage è stato ispirato dal suo rapporto con suo padre dal quale è dipesa la sua vocazione e ha deciso di farne il suo lavoro. Da allora è diventato attore e regista. Ma Sage non ha mai parlato della sua malattia pericolosa, che improvvisamente ha spezzato la sua vita all’età di 36 anni. Dalla sua improvvisa morte, Sylvester è stato impantanato in un lutto silenzioso e ha cancellato molte delle sue apparizioni pubbliche.

Per un genitore, non c’è dolore più angosciante che perdere il proprio figlio. Questo lutto risveglia profondi sentimenti di colpa, ingiustizia, rabbia che fanno parte del viaggio verso la resilienza. Se i genitori si sentono isolati di fronte a questo calvario, è importante comunicare su questa perdita e non impantanarsi in un silenzio colpevole. Molte associazioni sono nate per aiutare i genitori in lutto attraverso questo calvario che può portare persino adattiestremi, come nel caso di questi genitori devastati che si suicidano pochi minuti dopo la morte del figlio.
Ti potrebbe interessare anche >>>Lutto: come affrontarlo e superarlo
Sylvester Stallone(Photo by Frazer Harrison/Getty Images)