Home Salute e Benessere Psiche Lutto | 5 motivi per cui la morte di un genitore ci...

Lutto | 5 motivi per cui la morte di un genitore ci devasta a qualsiasi età

CONDIVIDI

Perchè dopo la morte dei nostri genitori siamo devastati, qualunque sia la nostra età

La morte di un genitore può essere la prova più difficile da superare nella nostra vita. Alcune persone tendono a pensare che questo dolore si attenuerà con l’età, ma non è così. I genitori sono coloro che ci hanno allevato, ci hanno visto crescere, ci hanno amato e la loro perdita è estremamente dolorosa, non importa quanti anni abbiamo. Il lutto è devastante e richiede molta forza ma, nonostante ciò, i ricordi rimangono ancorati per l’eternità.

La morte di un genitore è un lutto estremamente doloroso che, contrariamente a ciò che si vuole credere, non diminuisce con l’età. Nell’età adulta, il dolore tende ad essere più riservato e svanisce dietro le responsabilità, ma è sempre molto acuto. Alla perdita di un genitore, si perde l’infanzia e una parte di noi non tornerà mai più. Abbiamo perso persone che ci hanno amato incondizionatamente, contro ogni previsione. Questo lutto ha conseguenze irreversibili sulla nostra personalità.

Secondo questo studio, la perdita di un genitore crea molti traumi che non dipendono dall’età del bambino o dell’adulto. Il dolore è così intenso che i cambiamenti indotti da questa esperienza possono essere patologici e definitivi. Il modo in cui i nostri cervelli integrano il dolore è complesso. Secondo la neurologa Lisa M Schulmann:

“Il trauma emotivo di perdere una persona cara colpisce il cervello e il corpo. Gli ormoni dello stress portano a un battito cardiaco irregolare, dolore toracico localizzato e respiro corto. Questo a volte può portare a un attacco di cuore. “

Depressione inerente al dolore

La perdita di un genitore può portare a una depressione lunga e grave. Disturbi del sonno, cambiamenti dell’appetito, malinconia, tante conseguenze possono seguire questo drammatico evento nella vita di un individuo. Il dolore del lutto previsto a seguito di una malattia è ridotto perché si ha il tempo di assimilare questa notizia e di prepararsi a dire addio alla persona amata.

La perdita di un genitore aumenta notevolmente il rischio di depressione e ansia. Emozioni come rabbia e risentimento possono apparire e avere un grave impatto sulla psiche dell’individuo in lutto. Quando la relazione tra genitore e figlio è in conflitto, il processo di lutto può essere più difficile perché le emozioni non sono espresse e c’è sempre animosità nelle relazioni.

Le cinque fasi del lutto

donna triste
 (Istock Photos)

Il lutto, soprattutto quando si tratta di genitori, è un lungo processo che richiede molta pazienza. Ciò implica la resilienza, ovvero la capacità di riprendersi dal trauma. Ci sono cinque fasi del lutto, ognuna delle quali è più o meno lunga a seconda dell’individuo:

– Negazione: la persona rifiuta di accettare la morte della persona amata.

– Rabbia: incolpa alcune circostanze e può essere violenta

– Contrattazione: la persona in lutto tenta di contrattare il ritorno della persona deceduta. Questo periodo precede lo stadio della depressione.

– Depressione: la persona in lutto cresce in un periodo di tristezza caratterizzato da sintomi depressivi. Questa fase può includere disturbi mentali patologici che sono importanti da seguire con uno specialista.

– Accettazione: la persona piangendo esce da questa profonda tristezza. Senza dimenticare l’evento, vive continuando a svolgere le sue attività normalmente.

Come gestire il dolore?

La persona in lutto ha adisposizione diversi strumenti per vivere meglio. È importante che sia circondata da persone amorevoli per consolarla, lenirla, aiutarla ad adempiere alle sue responsabilità quotidiane, per il tempo necessario a raggiungere la resilienza. Se necessario consultare un medico o un terapista per poter lenire in profondità alcuni mali che non possono non essere espressi. I gruppi di auto-aiuto possono anche essere utili per domare il dolore difficile e imparare a gestire le emozioni su base giornaliera.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI