Home Salute e Benessere Riso basmati | proprietà benefiche e consigli per la cottura

Riso basmati | proprietà benefiche e consigli per la cottura

CONDIVIDI

Il riso basmati è consigliato a tutte le persone che vogliono perdere peso e non solo. Scopriamo le proprietà benefiche e come si cucina.

Riso basmati (iStockPhotos)
ll riso basmati è originario dell’India e del Pakistan, molto utilizzato da persone che vogliono perdere peso o per che soffrono di particolari patologie, come il diabete.

Il riso basmati è un chicco sottile ed allungato, che dopo la cottura raddoppia le dimensioni e presenta inoltre un profumo intenso. Oggi si coltiva in tutto il mondo e in Italia da qualche anno è molto utilizzato per accompagnare piatti speziati e saporiti sia di verdure che di carne. E’ un riso che si può consumare sia cotto che crudo.

Noi di CheDonna.it vi diamo qualche informazione in più sulle proprietà benefiche e le possibili controindicazioni.

 

 

Proprietà e benefici del riso basmati

Equilibrio intestinale (iSdtockPhotos)

Il riso basmati si può acquistare anche integrale, è molto ricco di amilopectina, che è importante perchè che rende consistente il chicco di riso.

Inoltre i chicchi di questo riso sono lunghi e stretti, ma la lunghezza aumenta dopo al cottura, non si appiccicano, anzi rimangono sodi e ben separati dopo la cottura, rispetto ad altre varietà. Inoltre potete notare che dopo la cottura i chicchi di riso trattengono molta acqua e si gonfiano. Questo è un pregio del riso basmati in quanto un elevato grado di sazietà, infatti bastano 50 grammi di riso basmati per ottenere una porzione consistente, donare sazietà apportando solo 170 calorie.

 

 

Le proprietà benefiche sono:

  • basso indice glicemico: è di 58 contro il 90 del riso bianco, infatti è consigliato per le persone diabetiche;
  • sapore gradevole:  anche non condito;
  • più digeribile: questo per la presenza di un amido chiamato amilosio, che viene assimilato due ore dopo la masticazione;
  • riequilibra le funzioni gastriche ed intestinali
  • regola la funzione sanguigna
  • aumenta il grado di sazietà
  • non contiene glutine: adatto ai celiaci
  • contiene grandi quantità di sodio: questo minerale unito al potassio, migliora il livello di contrazione dei muscoli e degli impulsi nervosi
  • povero di grassi.

Calorie e valori nutrizionali

Il riso basmati è consigliato alle persone che seguono una dieta e hanno la glicemia alta, bastano solo 100 g di per  apportare:

  • 340 Kcal
  • 8 g. di proteine
  • 78 g. di carboidrati
  • 0,89 g. di grassi

Potrebbe interessarti anche: Riso: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo

Come prepararlo

Riso basmati cotto Fonte: Istock

Durante la cottura i chicchi rimangono separati e non si appiccicano, il riso basmati si può utilizzare per preparare le insalate di riso o il riso alla cantonese.

È anche buono in bianco, dopo la cottura lo condite con un filo di olio extravergine di oliva od una noce di burro, condito con piselli o verdure, oppure con le carni bianche, potete sbizzarirvi come volete.

Il tempo di cottura è di circa 12 minuti, ma un suggerimento per garantire l’integrità del chicco durante la cottura, è metterlo in ammollo in acqua fredda per circa 20-30 minuti. Dopo potete scolarlo e lo fate tostare un minuto in una padella antiaderente leggermente unta d’olio. Successivamente aggiungete acqua bollente leggermente salata, la quantità deve essere il doppio del peso del riso, poi  proseguite la cottura a fuoco basso e con un coperchio, senza mai mescolare.

Dopo 10 minuti, o fino a quando il riso avrà assorbito tutta l’acqua, spegnete la fiamma e lasciate riposare il riso basmati per cinque minuti, poi potete condire come preferite.

 

 

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI