Home Salute e Benessere Michael Douglas: “Ho il cancro per colpa del cunnilingus” il risvolto oggi

Michael Douglas: “Ho il cancro per colpa del cunnilingus” il risvolto oggi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:04
CONDIVIDI

In una intervista rilasciata ad un noto quotidiano britannico Michael Douglas parlò della sua malattia e la imputò alla sua vita sessuale. I fatti avvenuti nel 2013 hanno un importante risvolto oggi

In un’intervista al quotidiano britannico The Guardian, nel 2013, Michael Douglas, una vera icona del cinema mondiale, avrebbe attribuito il suo cancro alla sua vita sessuale, soprattutto alla pratica del cunilingus. Parole che hanno destato scalpore, tanto che lui ed il suo agente hanno deciso di rilasciare un’altra intervista per sfatare ogni dubbio sui pericoli di questa pratica. I suoi chiarimenti sono stati trasmessi dal canale britannico BBC News. Questo caso ha avuto un importante risvolto oggi.

Michael Douglas e media: il suo cancro è dovuto alla sua vita sessuale?

Photo credit should read ROBYN BECK/AFP/Getty Images

Michael Douglas è nato il 25 settembre 1944 nel New Jersey, negli Stati Uniti. Con diversi premi e onorificenze tra cui due Oscar e 6 Golden Globe, il produttore e attore cinematografico americano scoprì di avere un cancro alla gola nel 2010.

In un’intervista con i media britannici The Guardian, l’icona del cinema stabilì un legame tra il suo cancro e la natura delle sue pratiche sessuali, attribuendolo alla pratica del cunnilingus. Stando alle sue affermazioni, Douglas contrasse il papillomavirus umano (HPV), un virus a trasmissione sessuale, attraverso la pratica di rapporti orali e che questo gli avrebbe portato il cancro alla gola. L’informazione ha avuto l’effetto di un boomerang per molti media che hanno trasmesso lo “scoop” di Hollywood. L’impatto di cui l’attore era forse lungi dal sospettare in un primo momento, fu sfumato dalle sue parole di chiarimento, l’attore rivelò in una conferenza dell’American Cancer Society che stava essenzialmente per rivelare il legame tra HPV e alcuni tumori.

In una dichiarazione inviata dal suo agente, Allen Burry a BBC News, quest’ultimo afferma che l’attore non avrebbe attribuito il proprio cancro alla pratica dei rapporti orali. Una risposta che spinse The Guardian a pubblicare una registrazione dell’intervista tra il suo giornalista e il signor Douglas per confermare la sua versione degli eventi.

Questa soap opera non ha mancato di attirare l’attenzione di molti utenti di Internet ormai da diversi anni. Sebbene non si sia ancori giunti a capire quale sia la verità e quale sia il falso falso riguardo le parole dell’attore e le affermazioni del giornale britannico, questo episodio è servito a sollevare il velo sul papillomavirus. Un virus a trasmissione sessuale che sarebbe responsabile di circa il 20 per cento dei 31.000 casi di tumore causati da virus che si verificano ogni anno secondo quanto riportato dall’ AIRC, Fondazione per la Ricerca sul cancro, e che “se fino a qualche anno fa la ricerca si è concentrata solo sul rapporto tra HPV e tumore della cervice uterina, sono sempre più numerose le prove che dimostrano come il papilloma virus abbia un ruolo anche in altri tipi di cancro, non solo femminili e non solo dell’area genitale.” come riportato dal sito stesso.

Il papillomavirus umano

Papilloma virus iStock-Photos

Il papillomavirus umano (HPV) comprende una famiglia di diversi tipi di virus, di cui oltre 40 vengono trasmessi sessualmente. Quindi possiamo distinguere:

HPV a basso rischio, che in alcuni casi può provocare verruche genitali
HPV ad alto rischio, che può portare al cancro

Chiunque, indipendentemente dal sesso, può contrarre l’HPV se ha una vita sessuale molto attiva. La famiglia del papillomavirus è molto grande, quindi i rischi sono maggiori. Tuttavia, come spiega la dott.ssa Françoise Thierry del Pasteur Institute, il potenziale cancerogeno di ciascun virus varia in base al suo genotipo. Le infezioni a trasmissione sessuale sono generalmente benigne, a volte evolvendosi in lesioni precancerose e se non trattate, si sviluppano a loro volta in cancro. Secondo l’esperta, sarebbe “la persistenza dell’infezione da questo virus oncogenico, la causa di anomalie cellulari, il più importante marker di tumore”.

Agendo sulla pelle o sulle mucose, il papillomavirus sarebbe quindi collegato a determinati tumori, incluso il cancro alla gola o alla cervice. Secondo il professor Renaud Garrel, capo dell’unità oncologica dell‘Ospedale Universitario di Montpellier, gli Stati Uniti hanno sperimentato una triplicazione dei tumori dell’orofaringe in relazione al papillomavirus e questo, in soli 5 anni. Il virus colpisce l’amigdala o la base della lingua. Tuttavia, va notato che il fattore di rischio più importante rimane legato a due elementi: alcool e tabacco. Questi ultimi hanno un tasso di sopravvivenza di 5 anni del 45% contro l’85% quando il cancro è attribuito solo al papillomavirus.

Pertanto, tra i tumori orofaringei correlati al sesso orale e / o ad una vita sessuale più attiva, “quelli che sono veramente esplosi per un secolo sono quelli legati al tabacco”, afferma Pr Garrel.

Trasmissione HPV

Una persona con HPV può trasmetterla a un’altra persona anche se questa non presenta i sintomi. Poiché l’HPV viene trasmesso sessualmente, la contaminazione può verificarsi nelle seguenti situazioni:

Rapporti vaginali: quando si tratta di penetrazione del pene nella vagina
Rapporti anali: quando si tratta di penetrazione del pene anale
Qualsiasi contatto tra i genitali dei partner sessuali
L’uso e la condivisione di giocattoli e accessori sessuali

A differenza di altre malattie a trasmissione sessuale, la contaminazione può verificarsi senza penetrazione, orgasmo o persino eiaculazione. In altri casi molto rari, la madre portatrice di HPV può contaminare il suo bambino durante il parto.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI