Home Attualità I genitori si suicidano, bimba di 4 anni tiene in vita il...

I genitori si suicidano, bimba di 4 anni tiene in vita il fratellino per giorni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:38
CONDIVIDI

Una bambina di 4 anni ha tenuto in vita il suo fratellino di due mesi per giorni dopo il suicidio dei suoi genitori. Una storia davvero straordinaria

I più bei nomi per bambino che iniziano con la lettera 'N'
Fonte foto: Istock

I genitori sono il pilastro ed il punto di riferimento per i loro figli. Dovrebbero servire da modello di vita e prepararli ad un futuro luminoso, lontano dal pericolo e dall’insicurezza. Tuttavia, quando muoiono, è un vero colpo soprattutto per i più piccoli in cerca di una guida.

E la questione è ancora più devastante se i genitori decidono di suicidarsi abbandonando al loro destino i propri figlioletti. Questa storia sorprendente è stata trasmessa dal Dailymail. Nella città di Chatsworth, una bambina di appena 4 anni è riuscita a tenere in vita il fratellino di appena 2 mesi per diversi giorni dopo la morte dei genitori.

Gesto eroico di una bambina di 4 anni dopo il suicidio dei suoi genitori

Nomi strani e particolari per bambiniIn California, David Kooros Parsa, 46 anni, e sua moglie Mihoko Koike, 38 anni, sono stati trovati morti nella loro casa. Secondo il dipartimento di polizia di Los Angeles, i due bambini di età inferiore ai 4 anni sono sopravvissuti alla fame e alla sete per diversi giorni, dopo quello che appare un omicidio-suicidio di genitori.

Secondo le autorità di polizia di Los Angeles, Davis Kooros Parsa si è sparato alla testa dopo aver ucciso sua moglie. I due figli della coppia, una bimba e un bimbo di età rispettivamente di 4 anni e 2 mesi, erano incolumi.

Secondo i rapporti degli investigatori, i due bambini sono rimasti soli per diversi giorni dopo che i loro genitori si sono suicidati. Interrogato dai reporter di Foxla, il capitano della polizia di Los Angeles Maureen Ryan ha descritto il bambino come un miracolato, per non parlare dell’eroismo di sua sorella maggiore.

Secondo i media, i vicini di casa, James e Olivia Robinson, avrebbero trovato i bambini.

La coppia aveva notato la polizia quella mattina, che sarebbe andata a bussare alla casa su richiesta di altri membri della famiglia per assistenza sociale, ma dato che nessuno rispose al campanello la polizia andò via. I vicini di casa insospettiti, accompagnati da un amico di famiglia e da un fabbro, forzarono l’abitazione e scoprirono finalmente la tragedia.

La bambina era in cattivo stato e puzzava di urina, aveva pensato ad accudire il fratello trascurando se stessa. I bambini sono stati portati in ospedale per un controllo medico prima di essere consegnati alle autorità.

Dopo il suicidio: come aiutare i bambini?

Nel suo libro “Bambini in lutto per suicidio”, C.Paesmans ripercorre il trauma subito dai bambini, che hanno bisogno di un’attenzione speciale per il loro dolore. In effetti, le reazioni di shock e diniego possono essere più intense per i piccoli, la perdita di una persona cara precoce e violenta è più difficile da interiorizzare. Ciò può portare a una risposta ritardata, compresi i disturbi comportamentali.

Per Paesmans, è quindi essenziale accompagnare i bambini a lungo termine, perché l’entourage a volte minimizza le conseguenze del lutto tra i più piccoli. Spesso perché hanno reagito solo brevemente o indifferentemente all’annuncio della morte di un genitore a causa della loro giovane età. Dobbiamo quindi prenderci il disturbo di spiegare cosa è successo al bambino, in modo onesto ma adattato alle sue capacità di assimilazione e comprensione in base alla sua età.

L’accompagnamento dell’entourage è cruciale per lo sviluppo del bambino. Si raccomanda inoltre il follow-up da parte dei professionisti per fornire a questi ultimi una struttura di scambio in cui possa esprimersi e fare il punto sulle proprie emozioni.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI