Home Curiosita Lutto: 8 cose che ti accadono dopo la morte di un genitore

Lutto: 8 cose che ti accadono dopo la morte di un genitore

CONDIVIDI

Anche nelle migliori condizioni, la perdita di un padre o di una madre cambia un adulto sia psicologicamente che biologicamente secondo gli scienziati. Ecco 8 cose che dovrai affrontare dopo aver perso i tuoi genitori.

Affrontare la morte di un genitore può essere la cosa più vicina a un’esperienza emotiva universale. Ma l’universalità non minimizza il trauma dell’evento, che tende a influenzare molto la vita di chi resta. Puoi provare a prepararti e immaginare cosa farai quando succederà. Ma sfortunatamente, nessuno può prepararti per questo evento terribile, perché ogni persona lo sperimenta in modo diverso. Ecco in generale di cosa ti aspetta dopo la morte di un genitore.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

8 cose che ti accadranno dopo aver perso i tuoi genitori

Santèplus ha stilato una lista delle possibili cose che potrebbero accaderti durante il periodo di elaborazione di un lutto per la perdita di un padre o una madre:

1) Apprezzerai i valori familiari che hanno instillato in te. Cercherai di integrarli nella tua vita familiare, anche se potrebbero sembrare diversi dai tuoi.

2) Ricorderai sempre i momenti trascorsi con i tuoi genitori. I ricordi non andranno mai via.

3) Dopo aver perso i tuoi genitori, potresti sentirti fisicamente malato per molto tempo.

4) Sentirai un grande dolore se i tuoi figli non avranno conosciuto i tuoi genitori. Sai bene che ai tuoi bambini loro sarebbero piaciuti e viceversa.

5) Non capirai le persone che parlano male dei loro genitori che sono ancora vivi.

6) La tristezza non andrà mai via. Anche dopo molti anni, ti ritroverai a pensare a loro e piangere con molta probabilità.

7) Sarai geloso e invidioso delle persone che passano del tempo con i loro genitori. Una piccola felicità sarà rimossa dai bei momenti della tua vita.

8) Anche dopo 10 anni, ti verrà spontaneo prendere il telefono per parlare con loro e condividere una novità. Allora ti renderai conto che non ci sono più. La festa del papà, la festa della mamma, il Natale e i compleanni non saranno più gli stessi.

Soprattutto quando vedrai le foto sui social network dei tuoi amici con i loro genitori potresti provare dolore.

Cosa pensa la scienza?

Il dolore dopo la morte di una persona cara è stato oggetto di una maggiore attenzione psichiatrica negli ultimi anni, con la consapevolezza del fatto che il 40% delle persone in lutto che soffrono di depressione, maggiore o minore, sono maggiormente a rischio mortalità per tutte le cause. Le persone in lutto sono ad alto rischio di suicidio, il trattamento antidepressivo può migliorare significativamente la depressione del lutto.

Nel breve periodo, la neurologia ci assicura che la perdita causerà disagio fisico. Alla lunga, il dolore potrebbe mettere in pericolo tutto il corpo. Gli studi hanno stabilito legami tra il dolore irrisolto e ipertensione, eventi cardiaci, disturbi immunitari e persino il cancro. Non è chiaro perché il dolore scatenerebbe tali condizioni fisiche, ma una teoria è che un sistema nervoso simpatico perennemente attivato può causare cambiamenti genetici a lungo termine.

Sebbene i sintomi fisici siano relativamente costanti, gli impatti psicologici sono alquanto imprevedibili. Nei dodici mesi successivi alla perdita di un genitore, il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali della American Psychological Association ritiene che la maggior parte degli adulti che hanno perso i genitori si ritroveranno a vivere una cascata di emozioni tra cui tristezza, rabbia, rabbia, ansia e intorpidimento, isolamento, senso di colpa, rimorso e rimpianto.

Ti potrebbe interessare anche—->>>“Soffro molto per un lutto” la risposta di un vecchio saggio che fa riflettere

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI