Home Gossip Nadia Toffa, Filippo Facci: “non cambio idea, il cancro è una cosa...

Nadia Toffa, Filippo Facci: “non cambio idea, il cancro è una cosa seria”

CONDIVIDI

Dopo la morte di Nadia Toffa, Filippo Facci che in passato aveva attaccato la conduttrice, ribadisce: “non cambio idea, il cancro è una cosa seria”.

nadia toffa morta filippo facci

Filippo Facci commenta su Facebook la morte di Nadia Toffa confermando la propria opinione sulla scelta della conduttrice di parlare pubblicamente del cancro e della sua battaglia. Il giornalista che, in passato aveva attaccato la Toffa che avrebbe condotto ad una “banalizzazione dei malati di tumore e nondimeno, com’ è sua abitudine, a un messaggio distorto su questo tema“, attraverso un post pubbilcato su Facebook, ribadisce di non aver cambiato idea.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda gossip, programmi tv e reality e i suoi concorrenti CLICCA QUI

Nadia Toffa, Filippo Facci conferma: “non cambio idea. Il cancro è faccenda troppo seria per lasciarla gestire alle Iene”

nadia toffa malattia

A chi gli ha chiesto un commento sulla morte di Nadia Toffa i cui funerali saranno celebrati venerdì 16 agosto a Brescia, Filippo Facci, su Facebook, risponde con le seguenti parole:

“La mia opinione sul personaggio Nadia Toffa non è cambiata, ma non mi sembra il caso di tornare a esibirla proprio oggi. Lo preciso per quanti mi chiedono stupidamente conto di un’opinione che la prevista morte della Toffa (che nel febbraio 2018 andò in tv a dire ‘Sono guarita’) non fa che confermare. Il cancro è faccenda troppo seria per lasciarla gestire alle Iene: sia spettacolarizzandolo personalmente, sia trasmettendo servizi giornalistici su stregoni secondo i quali i tumori si possono curare con l’aloe, con estratti di veleno di scorpione e altre scemenze propinate a milioni di telespettatori”.

Potrebbe interessarti anche—>Nadia Toffa, Carolyn Smith e Elena Santarelli: “chiedetele scusa”

In passato, su Libero, Filippo Facci aveva scritto: “Pure il libro. Siamo alla spettacolarizzazione del tumore (il proprio) e alla sua trasformazione in core-businness di un’attività pseudo-giornalistica. Avremmo voluto non tornarci più sopra, sul penoso ‘caso Nadia Toffa’, ma la banalizzazione dei malati che questa signorina sta perpetuando è molto più importante di lei e della sua egolatria”.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI