Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Dieta zero carb: ecco perché seguirla potrebbe risultare nocivo

Dieta zero carb: ecco perché seguirla potrebbe risultare nocivo

CONDIVIDI

Piuttosto in voga tra le star di cinema e tv, la dieta a base di zero carboidrati può rivelarsi più dannosa che benefica. Questo perché toglie importanti nutrienti all’organismo.

Spesso quando ci si mette a dieta la prima cosa che si fa è eliminare i carboidrati dall’alimentazione quotidiana. Questa mossa, secondo la nutrizionista Cynthia Sass, sarebbe un grave errore.

Come ha spiegato la dottoressa attraverso le pagine del sito web Health.com, rimuovere del tutto i “carb”, porta agli stessi cattivi comportamenti di quando ci si priva del grassi, e dunque all’abuso degli zuccheri.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui 

Perché fa male non consumare carboidrati

iStock

La prima risposta è che così facendo non si assumono nutrimenti fondamentali come le vitamine, i minerali, gli antiossidanti, le fibre, i prebiotici e i grassi buoni. Queste assenze possono portare ad un peggioramento delle funzioni immunitarie, della salute cognitiva e ad un incremento delle malattie croniche, come quelle cardiache e degenerative.

Le fibre sono importanti  – Ogni giorno ne andrebbero assunte 25 g. Questo può essere possibile soltanto mangiando carboidrati. Il tutto per migliorare il sistema immunitario.

I disturbi da assenza di carboidrati – Non ingerire carboidrati può causare mal di testa, scarsa concentrazione, vertigini, nausea, irritabilità e dolori muscolari, ma non solo anche depressione e alterazioni psicologiche.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Uovo sodo: scopri tutti i benefici e le proprietà dimagranti

Quale dieta seguire per dimagrire e restare in salute  – La dieta perfetta deve essere a base vegetale, con alimenti ricchi di fibre, grassi mono-insaturi, come l’avocado, l’olio d’oliva e le noci, e di proteine ​​vegetali, come le lenticchie e i fagioli. Ok anche alle verdure non amidacee, alla frutta e ai cereali integrali. Altresì essenziali sono i grassi antinfiammatori che agevolano il senso di sazietà e la circolazione. Inoltre bisognerebbe ridurre il quantitativo di carne e mangiare invece più legumi, fonte naturale di proteine. Seguendo questo schema è possibile fare il pieno di tutti i nutrienti utili per il benessere complessivo. A ciò va aggiunto che, non trattandosi di un regime severo può essere protratto nel tempo in modo da non rischiare l’odioso effetto yo-yo che porta a recuperare i chili persi tipico di quando si effettuano diete veloci e restrittive.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI