Home Curiosita

Il neonato più piccolo del mondo, ecco com’è oggi 5 mesi dopo la nascita

CONDIVIDI

Baby Saybie, la neonata più piccola mai sopravvissuta nel mondo ha lasciato l’ospedale cinque mesi dopo essere venuta al mondo in un ospedale di San Diego, in California. Ecco com’è oggi.

245 grammi è il peso record della piccola Saybie, l’equivalente del peso di una grande mela,  che la rende la più piccola sopravvissuta del mondo. Nata prematura a Dicembre scorso, ad appena 23 settimane e tre giorni di gestazione nel grembo materno, dopo aver trascorso cinque mesi in terapia intensiva, ora pesa circa 2,3 kg ed è finalmente riuscita a tornare a casa con i suoi genitori.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Baby Saybie, la più piccola neonata del mondo

In this picture received by AFP from Sharp Mary Birch Hospital for Women & Newborns on May 29, 2019, shows a nurse holding baby Saybie, the world’s smallest surviving newborn, on the day she was released from the NICU in San Diego, California.

Nel mese di dicembre 2018, la madre di Saybie a 23 settimane e tre giorni di gravidanza, affetta da pre-eclampsia, una condizione caratterizzata da un’alta pressione del sangue che mette a rischio sia la vita della madre che quella del bambino, si reca in ospedale dove le viene effettuato un taglio cesareo d’urgenza:

“E’ stato il giorno più terrificante della mia vita”, ha riferito la madre in un video pubblicato dall’ospedale. Dopo l’intervento, ai genitori viene detto che la bimba ha i giorni contati e che nella migliore delle ipotesi, avrebbero trascorrere un’ora con la loro bambina prima che morisse. “Questa ora è diventata due ore, poi 24, poi si è trasformata in una settimana”, dice la madre, che desidera rimanere anonima in un video pubblicato dall’ospedale.

Baby Saybie è stata in terapia intensiva negli ultimi cinque mesi e oggi “è una bambina felice di 2,5 chili, in buona salute”, ha detto l’ospedale della California Sharp Mary Birch.

” Non ha praticamente avuto nessuno dei problemi che solitamente si verificano nei bambini che nascono molto prematuri, come emorragie cerebrali o problemi ai polmoni e al cuore”, ha affermato l’ospedale. Tuttavia, lasciare l’ospedale in buona salute non significa necessariamente che il bambino non sperimenterà complicazioni future: “C’è il rischio che ssi verificheranno danni al cervello e deficit motori. La vista e l’udito potrebbero essere stati colpiti e potrebbero comparire difficoltà di apprendimento”, spiega il dott. Damien Mascret .

Secondo il registro dei bambini prematuri di tutto il mondo, meglio conosciuta come la classifica di Tiniest Babies, gestita dall’Università dell’Iowa, la piccola Saybie ha battuto il record mondiale precedentemente detenuto da un bambino nato nel 2015 in Germania, che pesava 252 grammi alla nascita. “Ogni vita è un miracolo, quelle che sfidano le leggi delle probabilità lo sono ancora di più”secondo il prof. Edward Bell.

Della stessa idea è anche un’infermiera dell’ospedale: “È un miracolo, questo è sicuro,” afferma Kim Norby, una delle infermiere che si è presa cura di Saybie mentre lottava per sopravvivere. La donna aveva attaccato alla cullaun cartello di incoraggiamento con su scritto: “piccola ma potente”.

Emma Wiest, un’altra infermiera presente nel video diffuso dall’ospedale, ha detto che Saybie era così piccola alla nascita che “si riusciva a malapena a vederla sul letto”.

Alla nascita poteva stare nel palmo delle mani ma contro ogni previsione, Saybie sopravvisse.

Ti potrebbe interessare anche—->>>7 gesti per decodificare il linguaggio del corpo dei neonati

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore