Home Dieta e Alimentazione

Artrite: come combatterla con l’alimentazione corretta

CONDIVIDI

Chi soffre di artrite reumatoide e sogna una vita migliore, può aiutarsi con una sana alimentazione, sfruttando ad esempio le proprietà antiinfiammatorie di una variante a base di verdure e pesce della classica dieta mediterranea 

A elaborare questo programma alimentare e ad intravederne un aiuto per chi è malato di artrite Stefania Ruggeri, nutrizionista e ricercatrice del Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione, impegnata anche come docente di scienze della nutrizione umana  alla Facoltà di medicina dell’Università di Tor Vergata.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui

Come funziona la dieta contro l’artrite

Getty Images

E’ necessario innanzitutto privilegiare il pesce, di qualsiasi tipo, e in seguito arricchire i propri piatti con prodotti dotati di 3 antiossidanti naturali come il licopene, la vitamina E, e la vitamina C. In questo caso parliamo di crucifere come cavolfiori o broccoli, meglio se consumati crudi, ma pure di agrumi, frutti di bosco e noci del Brasile, da mangiare queste, una manciata al giorno in quanto pieni di selenio.

L’artrite porta con sé una carenza anche di calcio, vitamina B9, magnesio e vitamina B6.

Ecco dunque che bisogna inserire nella propria dieta i pomodori cotti, oppure sotto forma di panzanella, conditi con pane vecchio, cipolla, basilico, olio, aceto e sale; l’olio EVO, l’olio al germe di grano e la succosa anguria.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Frutta tropicale: come dimagrire velocemente e integrare vitamine

Da tenere lontani il più possibile la carne e i formaggi.

E’ necessario curare anche il ferro perché la patologia può portare ad un calo di  questo elemento“, ha dichiarato Ruggeri come riportato da La Gazzetta del Sud. “Ideale è il pesce azzurro ricco di omega 3, ma altresì il polpo e le alici per la presenza di calcio. In secondo luogo il regime alimentare deve prevedere legumi e cereali integrali, la rucola e i carciofi”.

I grassi buoni non vanno eliminati – Ciò significa che per colazione si può mangiare magari una fetta di pane con avocado condito con un goccio di olio e limone, per fare il pieno di vitamina E. I formaggi, invece, si possono consumare al massimo 1 o 2 volte a settimana. Moderato l’uso delle uova.

Una buona alimentazione aiuterà a migliorare non solo lo stato di salute, ma pure il tono dell’umore fornendo energia positiva per affrontare la malattia“, ha concluso la dottoressa.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI