Home Curiosita Abitudini apparentemente innocue ma in realtà rischiose per la salute

Abitudini apparentemente innocue ma in realtà rischiose per la salute

CONDIVIDI

Abitudini che ci danneggiano pur sembrando totalmente innocue. Scopri i piccoli gesti che tutte compiamo senza sapere quanto male ci stiamo facendo.

Che devi mangiare sano, fare attività fisica ed evitare fumo e alcol lo sai bene ma sai invece che sarebbe meglio evitare di sussurrare, dormire a pancia in giù o leggere quando sei letto?

Già, ci sono abitudini apparentemente innocue e assai comuni che, a nostra totale insaputa, danneggiano la nostra salute, il nostro benessere e, dulcis in fundo, la nostra bellezza.

Sarebbe decisamente meglio saper riconoscere tali abitudini, non vi pare?

Per la serie “meglio prevenire che curare” dunque ecco un elenco di abitudini apparentemente innocue ma che in realtà possono farci molto male.

Se vuoi conoscere tante altre notizie curiose per la tua salute e non solo CLICCA QUI!

Cattive abitudini insospettabili

leggere a letto cattive abitudini
Foto da iStock

Ecco alcune abitudini assai diffuse, gesti che forse anche voi siete solite compiere ogni giorno o quasi ma che, senza saperlo, creano notevoli problemi alla vostra salute e non solo.

Scopriamoli insieme così da evitarli in futuro.

Trattenere uno starnuto – Sistema respiratorio, vasi sanguini, cervello e esofago sono minacciati da tale abitudine. Lo starnuto mira infatti a eliminare batteri, virus e particelle di polvere che invece restano nel nostro organismo mentre esofago, udito e pressione sanguigna sono minacciati dalla forza dello starnuto che ritorna indietro senza trovare sfogo.

Usare lo stuzzicadenti –  Le gengive certo non ingrazieranno oltre a dare scarsi risultati di pulizia

Dormire a faccia in giù sul cuscino – Molti amano questa posizione ma non anno che respirare può divenire difficoltà, il sangue circola con più fatica, la cervicale va sotto pressione e il collo viene costretto in una posizione innaturale. Non i basta? Be’ sappiate che anche le rughe sono agevolate da tale posizione

Sgranare i semini con i denti – Non solo i denti si danneggiano in modo notevole ma anche la cistifellea certo non ne giova poiché i semi sono cibi per lei assai gravosi.

Masticare oggetti solidi – Mastichi nervosamente penne, matite e affini? Molto male! Smalto gengive e bocca restano infatti danneggiati

Trattenere lo stimolo di andare in bagno – Lo si fa per fretta, troppi impegni o semplicemente mancanza di occasione. I danni a muscoli e vie urinari sono infatti dietro l’angolo.

Lavarsi i capelli con acqua calda – I vasi sanguini non ne giovano, tanto da provocare poi sbandamenti e forti emicranie, e a ciò si aggiunge l’eccessivo stimolo delle ghiandole sebacee, cosa che farà apparire i capelli nuovamente sporchi in un batter d’occhio.

Toccarsi il viso e strofinarsi gli occhi – Non c’è modo migliore per avallare acne, herpes e altre infezioni cutanee. Per gli occhi invece c’è la tristemente nota congiuntivite.

Masticare le gomme troppo spesso – Innanzi tutto i succhi gastrici stimolati a stomaco vuoto possono provocare ulcere e gastriti. A ciò si aggiunga la salivazione in eccesso che consuma i denti.

Leggere quando si sta a letto – Gli occhi, la spina dorsale e la pelle del collo certo non ti ringrazieranno poiché la postura assunta li danneggia fortemente.

Leccare o soffiare le ferite e i graffi – E’ una vera e propria vesta per i molti batteri che popolano la nostra bocca e che così finiscono sulla ferita aperta.

Sussurrare – Affatica le corde vocali, aumentando le possibilità di danneggiare la laringe.

Usare il cellulare in bagno – Star seduti troppo a lungo sul wc aumenta eccessivamente la pressione venosa, senza contare i batteri che dal bagno passano a ogni luogo della casa per gentile passaggio dello smartphone.

E poi c’è anche un “Bonus”… vuoi scoprire quale? Segui il video qua sotto e lo saprai in pochi minuti.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI