Home Attualità Bimbo nel pozzo: in corso gli ultimi tentativi per salvare Julen

Bimbo nel pozzo: in corso gli ultimi tentativi per salvare Julen

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:40
CONDIVIDI

La trivella arrivata da Madrid, ha iniziato a costruire la buca orizzontale di soccorso per raggiungere il piccolo Julen.

Gli ingegneri assicurano che, se tutto va bene e non trovano più problemi nei diversi strati del piano Dolmen del Cerro della Corona di Totalán, una finestra si aprirà nel suono stretto di 25 centimetri di larghezza per 110 metri di profondità.

Ora dunque,  si aspettano di trovare il bambino di due anni, sparito in quel pozzo maledetto dalla scorsa domenica alle 2:00 del pomeriggio.

Il rappresentante del College of Engineers of Roads and Mines, Ángel García Vidal, ha spiegato che durante la notte la piattaforma di lavoro è stata abbassata a 23 metri. Al momento dell’arrivo, ha assicurato che il trapano verticale era in fase di installazione e che avrebbe iniziato a lavorare in meno di mezz’ora. In 15 ore dovrebbero scavare la cava di soccorso se non ci sono più intoppi..

La composizione del terreno è sconosciuta e potrebbe esserci un’altra vena di ardesia che potrebbe complicare nuovamente le cose.

Segui tutte le nostre migliori news anche sulla piattaforma FlipBoard, CLICCA QUI

In queste ore stimate di trivellazione, la squadra di recupero delle miniere delle Asturie entrerebbe nel pozzo dove si trova il piccolo con la speranza che sia ancora vivo.

La galleria orizzontale sarà fondamentale per raggiungere il piccolo. “Questi lavori possono richiedere circa 20 ore in più”, ha detto Garcia Vidal, che ha affermato che si tratta di un lavoro completamente manuale con martelli e picconi piccoli.

Dove potrebbe trovarsi Julen? Il primo passo è quello di guardare tra 71 e 73 metri di profondità dove il bambino potrebbe essere intrappolato: “Crediamo che possa esserci”, ha detto García Vidal “Se il bambino non si trova in quell’intervallo, verrà valutato se viene abbassato ulteriormente e un’altra galleria di quattro metri”, ha detto l’ingegnere, il quale ha affermato che questo secondo tunnel presenta rischi che possono renderlo pericoloso per i soccorritori

aggiornamento: alle 07:00 di questa mattina, erano stati scavati 33 dei 60 metri del tunnel. Sarà proprio in questo tunnel che verrà portata la capsula metallica che permetterà di costruire una galleria orizzontale per avvicinarsi il più possibile al luogo dove sta il bimbo. Le speranze di trovarlo vivo sono ridotte al lumicino .

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI