Home Dieta e Alimentazione

Dimagrarire e proteggersi dal diabete con la dieta del cardamomo

CONDIVIDI

Alleato della salute e perfetto brucia grassi, il cardamomo ha tra i suoi benefici quello di proteggere dal diabete e rendere ancora più efficace la dieta.

Poco conosciuto in Occidente, il cardamomo, è invece utilizzato moltissimo nella cucina orientale. Costoso quanto vaniglia e zafferano, oltre ad essere buono possiede diverse proprietà e può essere facilmente sfruttato per arricchire i propri piatti rendendoli gustosi, sani e un po’ fuori dal comune.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui

In passato questa spezia veniva usata per agevolare la digestione, curare i problemi dello stomaco e dell’inteso e da tempo la medicina ayurvedica lo considera un valido rimedio contro i disturbi delle vie urinarie e dell’apparato circolatorio.

I benefici del cardamomo

Getty Images

Tra i suo “poteri” oltre alle proprietà antisettiche, grazie a cui mantiene pulito il cavo orale, rinfresca la bocca e previene l’alitosi, possiede la capacità di combattere la tosse, il raffreddore e l’influenza. Ma soprattutto, cosa ancora più importante, secondo studi scientifici, il cardamomo ha un effetto anti-diabete, quindi aiuta a ridurre la pressione arteriosa e la glicemia.

I benefici maggiori di questo alimento, si ottengono tuttavia quando combinato con altri cibi all’interno di una dieta ipocalorica. Il cardamomo possiede effetti dimagranti e dunque è un valido alleato per chi desidera perdere peso. Ma non solo. Svolge pure una funzione disintossicante per l’organismo, facendo piazza pulita delle tossine in eccesso e migliorando la circolazione del sangue.

Nello specifico quando si assumono carboidrati, il cardamomo consente di incrementare la tolleranza del corpo al glucosio, limitando di conseguenza il deposito di grasso sull’addome.

Tra le altre proprietà combatte il colesterolo cattivo e ha un effetto benefico su quello buono. Per le signorine la buona notizia extra è che riduce la ritenzione idrica e sgonfia pancia, glutei e cosce. Infine implementa il funzionamento dell’intestino, in particolare se associato al consumo di fibre, ripristinando la flora batterica e “riaccendendo” il metabolismo.

Come dimagrire con il cardamomo –  Come detto i suoi usi sono molteplici. E’ possibile realizzarne un tè o una tisana, da bere per placare la fame, ma pure a colazione oppure prima di coricarsi. Il cardamomo può essere aggiunto come ingrediente sano nella preparazione di dolci e confetture. Risulta gustoso anche se consumato insieme alla pasta, al riso,al pollo o ai legumi.

Ti potrebbe interessare anche—->>> La dieta degli studenti. Cosa mangiare prima di mettersi sui libri

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI