Home Salute e Benessere

Dite addio a tosse, sinusiti e bronchite con il tè all’ origano

CONDIVIDI

Tè all’ origano per curare tosse, sinusite, infezioni, lenire l’asma, la bronchite, alleviare i reumatismi e molto altro!

Che sia fresco o essiccato, l’origano è un’erba culinaria e medicinale ampiamente utilizzata sin dall’antichità per via dei suoi numerosi benefici per la salute. Ma cosa sappiamo veramente di questa pianta?

Origano: valori nutrizionali e benefici

L’origano, o maggiorana selvatica, è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Le sostanze che gli conferiscono quel suo odore unico e piacevole sono il timolo, il pinene, il limonene, il carvacrolo, l’ocimene e il cariofillene.

Se vuoi essere informato su tutti i nostri Rimedi Naturali CLICCA QUI

Valori nutrizionali

L’origano contiene Vitamine A, C, E e K, fibre, calcio, niacina, manganese, folato, magnesio, ferro e luteina, la zeaxantina e criptoxantina. 

Questa erba mediterranea profumata può aiutare il corpo a disintossicarsi, quindi è un ottimo rimedio naturale per rimediare a molti disturbi.

L’origano ha uno dei più alti livelli di attività antiossidante, eccellente per neutralizzare i radicali liberi. Infatti, esso contiene più di 42 volte la capacità antiossidante di mele, grazie ai flavonoidi in esso contenuti che includono luteina, la zeaxantina e criptoxantina.

L’origano essiccato contiene una moltitudine di componenti, tra cui circa il 3% di olio essenziale. Gli altri componenti sono borneolo, acido rosmarinico, triterpenoidi, che sono acido ursolico e acido oleanolico.

Come usare l’origano per trarre il massimo dai suoi benefici?

L’Origano può essere utilizzato in molti modi per ottenere i suoi effetti benefici. È possibile utilizzare foglie di origano fresche, secche, olio essenziale, tè o compresse come integratori.

Il modo più comune per godere dei benefici dell’ origano è fare un’infusione.

Ricetta del tè all’origano

Questo tè può essere preparato con origano fresco o secco. Sono necessari circa 1 o 2 cucchiaini da tè, o da 5 a 10 grammi di origano.

Immergere l’origano in una tazza di acqua calda per circa 5 minuti, filtrare e bere. Assumere questo tè fino a tre volte al giorno aiuta a trattare e alleviare la tosse, raffreddore, sinusite, infezioni, asma cronica, reumatismi, bronchiti, grazie a timolo, carvacrolo e l’acido rosmarinico presente nell’ origano, che hanno potenti proprietà anti-fungine, antibatteriche e antivirali.

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista dal Dipartimento di Otorinolaringoiatria del Centro Medico dell’Israel Institute of Technology, l’origano ha effetti benefici diretti sul tratto respiratorio, sulla tosse e sulla portata d’aria nei passaggi nasali.

Un altro studio condotto da ricercatori dell‘Università di Bonn e l’ETH di Zurigo, ha evidenziato che l’origano combatte l’infiammazione attraverso il suo principio attivo, il beta-caryophylline (E-BCP). I ricercatori hanno sperimentato sui topi la somministrazione di E-BCP e hanno scoperto che l’E-BCP ha aiutato 7 topi su 10 a riprendersi da una zampa infiammata.

Origano e cottura dei cibi: ossidazione ridotta del 71%

Fresh pork and vegetables

Il sapore caldo e aromatico dell’ origano esalta molti cibi. Può essere aggiunto a vinaigrette, verdure o uova. Oltre a questo, uno dei migliori usi dell’ origano in cucina è quello di aggiungerlo alla carne prima della cottura, il che può aiutare a ridurre i composti tossici creati durante la cottura.

Uno studio della University of California a Los Angeles, ha evidenziato che l’aggiunta di una miscela di spezie ricche di antiossidanti, tra cui l’origano per la carne prima della cottura, riduce del del 71% l’ossidazione nella carne e la presenza di composti derivanti da ossidazione nelle urine, del 49%. I ricercatori hanno usato una miscela di chiodi di garofano, cannella origano, rosmarino, zenzero, pepe nero, paprika e aglio in polvere.

Importante:

Se sei incinta, è consigliabile non consumare origano.Le persone che assumono farmaci anticoagulanti dovrebbero prestare attenzione agli alimenti che contengono vitamina K come origano e non abusarne. In questo caso, questa pianta dovrebbe essere utilizzata solo come condimento.
L’origano non è raccomandato anche per le persone con allergie a causa del suo contenuto di linalolo, che è altamente allergico in aree sensibili.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Caramelle per la tosse fai da te, non dovrai comprarle mai più

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI