Home Attualità

Pavlok, il braccialetto che vi da la scossa se spendete troppo

CONDIVIDI
Pavlok sembra esser l’antidoto perfetto allo shopping compulsivo. Si tratta di un braccialetto che, quando si spende troppo, avverte a suon di scosse elettriche.
Secondo recenti studi sono sempre più i giovani che danno fondo alle loro finanze quasi senza rendersene conto. A causa di quella che viene comunemente definita “la sindrome dello struzzo” i ragazzi tenderebbero infatti a spendere smodatamente, senza monitorare il loro saldo in banca o, comunque, procedendo al controllo quando oramai  è troppo tardi e il rosso già si profila all’orizzonte.
Noi donne poi, si sa, tendiamo a cedere allo shopping compulsivo ben più di quanto dovremmo e così il colore vermiglio del nostro conto corrente diviene sempre più una concreta possibilità.
Come porre freno a tutto ciò? Be’, occorrerebbe una buona dose di forza di volontà ma, qualora questa stentasse a palesarsi, Intelligent Enviroments ha progettato una piccola ma geniale soluzione a tutti i nostri problemi: arriva Pavlok il braccialetto che ci da la scossa quando spendiamo troppo.
Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che concerne attualità e notizie curiose, clicca qui!

Il braccialetto anti shopping compulsivo

bracciale scossa

Stai spendendo troppo? Una scossa di 340 volt arriva a ricordartelo. Così funziona il braccialetto Pavlok, nuovo ritrovato della tecnologia che promette di aiutarci a scongiurare il pericolo rosso per il nostro conto corrente.
A quanto pare basterà associare il braccialetto al conto e fissare un tetto limite di spesa valicato il quale Pavlok invierà prima un semplice avviso via smartphone e poi passerà alle “maniere dure”.
Se infatti l’avvertimento su cellulare non è stato sufficiente e il nostro bancomat, o la carta di credito, torna a mettersi all’opera, ecco che una scossa elettrica giunge a farci da promemoria circa le nostre finanze.
Che la tecnologia abbia veramente trovato la cura allo shopping compulsivo? Non retsa che provare per credere.