Home Attualità

Insegnante muore di cancro, i suoi studenti fanno un gesto clamoroso – FOTO

CONDIVIDI

Un gesto bellissimo da parte degli studenti di una scuola in provincia di Monza Brianza. Un gesto esemplare che fa commuovere

 

Rossella Tadini, docente di lingue, lavorava Da circa  26 anni in cattedra alle medie di Mezzago. Sono tantissimi gli studenti che hanno imparato la lingua inglese con lei.  Poi il 7 novembre scorso è deceduta a 58 anni, uccisa da un cancro che combatteva da qualche tempo e lasciando a scuola un vuoto enorme. Così i suoi studenti, hanno pensato di riempirlo scrivendo sui muri dei bagni della scuola con messaggi a lei dedicati. “Eri la migliore, ci mancherai”, “Per me era una sorella”, “Una nuova stella in ci elo”, insieme a semplici “Grazie” e “I love you, prof”.

Il Giornale di Monza ha voluto omaggiare questa grande signora andata via troppo in fretta. Questa notizia, ha avuto un’ampio eco sui social network. Su Facebook infatti,  sono comparse le foto dei muri dei bagni della scuola tappezzati di pensieri d’affetto rivolti alla docente e scritti con i pennarelli colorati.

Leggi anche — > “Combatto il cancro vivendo e sorridendo sempre”

La storia di Emma e Justin e quel dettaglio che indicava il tumore

Emma Justin tumore
Emma e Justin dopo il matrimonio

L’esperienza della malattia ha segnato fortemente Emma, che è rimasta vedova giovanissima e ha iniziato a dedicare molto tempo a varie organizzazioni che combattono il cancro. Il suo obiettivo è quello di dare la sua esperienza a chi sta vivendo un dramma simile al suo, e magari aiutare a prevenire possibili malattie analoghe. Anche perché, dopo tanto tempo, guardando la foto del matrimonio si è ricordata di aver notato alcuni comportamenti strani di Justin, che aveva attribuito all’emozione per l’evento. Inoltre notò che una delle guance del marito era affondata un po’, segno che indicava il sopraggiungere del tumore. Magari se se ne fossero accorti prima Justin si poteva salvare, o magari avere un decorso più lungo e meno doloroso. Che l’esperienza di Emma possa servire per aiutare chi si ritrova purtroppo nella sua stessa situazione.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI