Home Senza categoria

Amanda Lear: “Un amante? No, ho chiuso il negozio” e “Dali? era impotente”

CONDIVIDI

Amanda Lear: “Dali era innamorato di me ma era impotente”

In occasione dell’uscita del suo libro Délires, Amanda Lear è stata intervistata per la rivista Closer e ha rivelato dettagli importati sulla sua vita sentimentale attuale e sugli anni trascorsi con Dali, fornendo anche molti dettagli interessanti.

Amanda Lear che fine ha fatto?

Amanda Lear si è ritirata dalla scena artistica un anno fa. Per tutti i nostalgici, il suo umorismo e i suoi botta e risposta sono tornati in un libro, Deliri (Délires (Cherche-Midi).
È con questo libro che Amanda Lear fa il suo grande ritorno mediatico. Nel libro, attualmente disponibile solo in lingua francese, Amanda spiega perché ha deciso di salutare lo spettacolo, dopo più di quarant’anni di attività:

“Ho incarnato quattro corpi per sette anni. Il corpo ha bisogno di riposare. Vivo a casa, in Provenza, in mezzo ai miei ulivi e ai miei dieci gatti e dipingo. I miei amici sono tutti alcolisti, tossicodipendenti o ninfomani, è la mia terapia “.

Colei della quale l’età rimane un segreto ben custodito e ben portata, rivela anche di aver messo una croce sull’amore:

“Ho chiuso il negozio!”, dice ridendo. “È tutto finito, l’ultimo è stato Manuel, un italiano, con cui ho vissuto per quattro anni e mezzo, oggi un uomo sposato e un padre affascinante e bravo!’ Potrebbe esserci qualcuno in futuro … Ma non è quello che ho in mente in questo momento. “

L’intervista prosegue e si parla di Dalì. Amanda Lear ricordandolo afferma:

“Dali era innamorato di me ma era impotente!”

È un fatto noto a tutti, Amanda Lear era la musa di Dalì. Per anni ha vissuto al suo fianco, ma anche con la sua moglie ufficiale, Gala. Una situazione divertente, di cui parla a lungo nelle pagine di Closer:

“Dali era innamorato di me”, dice. “Non solo perché ero carina, c’erano molte modelle intorno a lui, ha trovato qualcos’altro in me, e non voleva un trio con la donna e l’amante, voleva che la mia presenza fosse ufficiale “Quindi voglio sposarti,” disse, ma era già sposato con Gala e anche lui l’amava”

Ma un dettaglio importante ha significato che tutto questo amore non è stato consumato: il pittore era impotente.

“Ne parlava lui stesso”, dice Amanda Lear. “Ha sempre detto:” Non c’è niente da fare “. E ciò che la fece davvero scandalizzare fù l’indiscrezione lanciata da un’astrologa spagnola che sosteneva che il pittore fosse il suo padre biologico e che voleva farlodisotterrare per fare il test del DNA per assicurarsene, nonostante la dichiarata impotenza di Dalì:

“Ero scandalizzata. Ho detto agli spagnoli che il DNA di Dali esisteva già, e una squadra americana è venuta da me per autenticare alcuni dei suoi dipinti. Gli ho dato alcune camicie e lettere che mi aveva mandato lui. Il suo DNA fù perfettamente autenticato, non abbiamo dovuto scavare, è vergognoso. “

Ti potrebbe interessare anche—->>>Amanda Lear si racconta: “Io mascolina? Oggi tutte come me”

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI