Home Attualità

Buon compleanno Francesco Totti: il racconto della lite con Spalletti

CONDIVIDI

Oggi Francesco Totti festeggia il compleanno, intanto vengono fuori particolari interessanti dalla sua autobiografia, come quella lite con Spalletti…

Oggi sono 42 anni di Francesco Totti. Il 27 settembre del 1976 veniva al mondo il ‘Pupone’, uno dei personaggi “storici” (passateci il termine) di Roma e del calcio italiano. Un personaggio a tutto tondo, Francesco Totti, che ha lasciato il calcio poco prima dei 41 anni ed è rimasto comunque sulla breccia, sulla cresta dell’onda delle notizie e anche del gossip, visto che sua moglie Ilary Blasi è ormai una delle conduttrici più popolari d’Italia. Quando parla fa Francesco sempre notizia, figuriamoci poi quando scrive. Già, perché in questi giorni è in uscita la sua devastante autobiografia ‘Un Capitano‘, nella quale racconta la sua lunghissima carriera da calciatore. Devastante perché già prima della sua uscita fa parlare parecchio, viste anche alcune rivelazioni scottanti in merito al suo ritiro dal calcio. La prima ‘vittima’ di questa pubblicazione è stato Franco Baldini, che presto rassegnerà le sue dimissioni dalla Roma proprio in virtù delle parole pesanti che ha usato Totti nei suoi confronti in merito al suo ritiro dal calcio. Ma il più colpito dalle parole dell’ex capitano giallorosso è sicuramente Luciano Spalletti, che non è stato neppure invitato alla conferenza stampa di presentazione dell’opera, a cui c’erano praticamente tutti. Tutti tranne lui, e a giudicare dalle prime rivelazioni che vengono fuori dagli stralci del libro si capisce anche il perché.

Francesco Totti e Luciano Spalletti: la lite prima del ritiro e la rissa sfiorata

Un libro che sembra poter fare sold out, quello di Francesco Totti. ‘Un capitano’, così si chiama, e svela qualche retroscena interessante soprattutto sulle ultime battute della sua carriera. Fra gli argomenti più caldi c’è sicuramente il rapporto con Luciano Spalletti, quello che di fatto è stato il suo ultimo allenatore. Un rapporto parecchio burrascoso, come già si sapeva e come dal libro si evince chiaramente. Ad esempio Totti racconta di una lite furibonda avvenuta negli spogliatoi, addirittura con una rissa sfiorata: “Un giorno trovo la faccia di Spalletti a un centimetro dalla mia. Mi aspettava. ‘Basta, hai rotto le palle, pretendi di comandare e invece te ne dovresti andare, giochi a carte malgrado i miei divieti, hai chiuso’. Fu l’ultimo litigio fra di noi, perché persi le staffe anch’io e se non ci avessero separato ce le saremmo date di santa ragione. Poi subito dopo lui andò in sala stampa e disse che anche se avevo segnato io il merito della rimonta era della squadra”.

E non finisce qui. Molto interessante il racconto di quando Spalletti cacciò Totti da Trigoria: “Quando mi mandò a casa ero furibondo, tremavo di rabbia. Gli dissi ‘Vedremo se sarò io o sarà lei a pagarne le conseguenze’. E poi, alla risposta di Spalletti, Francesco la spiegò così: “Lei sa che a Roma la gente è dalla mia parte. Io ho soltanto parlato bene di lei, eppure mi vuole cacciare. Si assuma le sue responsabilità”. Uno scontro violento, sfociato in una frase che è l’emblema del loro rapporto: “Vigliacco, adesso non ti servo più mi rompi il cazzo, eh? Sei tornato qui con una missione, portala a termine!”. Non c’è che dire, un libro che si preannuncia davvero molto succoso.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI