Home Salute e Benessere

Primi raffreddori. Paracetamolo: dovremmo limitarne il consumo?

CONDIVIDI

Paracetamolo: Quanto ne possiamo prendere? Quali sono i rischi? Cosa fare in caso di sovradosaggio?

Consegnato senza prescrizione medica, il paracetamolo è uno degli antidolorifici più venduti. Tuttavia, abusato o consumato in dosi elevate, questo medicinale può essere molto pericoloso.

Paracetamolo, quello che non sapevi

donna influenzataIl 29 dicembre 2017, la ventiduenne Naomi Musenga di Strasburgo è morta all’ospedale civile di New Strasbourg. Questa morte è la conseguenza di un avvelenamento da paracetamolo assorbita da automedicazione per diversi giorni”, ha dichiarato Yolande Renzi, il procuratore di Strasburgo incaricato delle indagini, aggiungendo che “alla progressiva distruzione delle cellule del fegato seguì un blocco di tutti i suoi organi che portarono rapidamente alla sua morte “.

Questo caso ricorda che il paracetamolo, per quanto percepito come un farmaco innocuo, presenta rischi quando viene consumato in dosi elevate o se viene usato in modo scorretto.

VIDEO NEWSLETTER

Quando prendere il paracetamolo?

(Thinkstock)

Quasi 200 medicinali contenengono paracetamolo, da solo o in combinazione con altre sostanze, e sono disponibili in farmacia con o senza prescrizione medica. Questi analgesici (o analgesici di livello 1) – venduti sotto forma di compresse, sciroppi o supposte – prevengono o riducono la sensazione di dolore da lieve a moderato.

Ad esempio, questi antidolorifici vengono comunemente usati per trattare il mal di testa, mal di gola, dolori dentali, dolori muscolari, dolori mestruali o febbre in caso di raffreddore. Le donne incinte, i bambini e gli anziani possono assumere paracetamolo su base ad hoc e in base al dosaggio.

Dosaggio: quanto paracetamolo può essere assunto in sicurezza?

Il paracetamolo può essere usato per trattare il dolore da lieve a moderato. Tuttavia, il trattamento con paracetamolo per l’auto-medicazione dovrebbe durare il più breve possibile (l’assunzione di paracetamolo non dovrebbe mai essere una routine) e richiede di attenersi alla durata raccomandata del trattamento, dosaggio e controindicazioni descritta sul foglio illustrativo. Se i sintomi durano più di 3 giorni, è importante consultare un medico. In tutti i casi, la dose massima di paracetamolo è:

4 g al giorno per un adulto di peso superiore a 50 kg: 4 compresse da 1 go 8 compresse da 500 mg ogni 24 ore solo in caso di dolore acuto. Altrimenti, è meglio limitare a 3 g al giorno.
Da 10 a 15 mg per chilogrammo di peso corporeo, massimo quattro volte al giorno per un bambino (esempio: se il bambino pesa 30 kg, la dose massima è di 450 mg per dose, non più di 4 volte al giorno) . Si noti che alcuni medicinali contenenti paracetamolo sono controindicati per i bambini sotto i 27 kg, leggete sempre il foglio illustrativo.
Gli anziani e quelli con insufficienza epatica da lieve a moderata, grave insufficienza renale, anoressia, alto consumo di alcol (più di quattro unità al giorno per un uomo, più di tre unità al giorno per una donna), o stato di digiuno prolungato, devono consultare un medico prima di assumere e non superare i 3 g al giorno.

Buono a sapersi: tra un’assunzione e l’altra, è necessario attendere almeno 4 ore. Inoltre, se tu o il tuo bambino prendete diversi farmaci contenenti paracetamolo, assicuratevi che non venga superata la dose massima con tutti i farmaci combinati. La dose massima può talvolta essere superata senza saperlo. Per evitare questo tipo di incidente, consultare sempre i foglietti dei farmaci per vedere se contengono paracetamolo o meno.

Quali sono i rischi di sovradosaggio con paracetamolo?

Quando il suo consumo è ben controllato, è raro che il paracetamolo sia la causa di effetti indesiderati. È “un farmaco sicuro ed efficace in normali condizioni d’uso”, afferma l’ANSM in una dichiarazione del 20 agosto 2018. Ma l’uso improprio (sovradosaggio, combinazione di diversi prodotti contenenti paracetamolo, inosservanza del dosaggio) può causare gravi danni al fegato (e più raramente ai reni) che sono in alcuni casi irreversibili.

Il paracetamolo produce una sostanza tossica, che viene essenzialmente detossificata dal fegato ed eliminata nelle urine. Quindi se la dose assunta è troppo importante, questa sostanza rimane nel corpo e altera le capacità purificanti del fegato che non possono più metabolizzare determinate sostanze (presenti in droghe, alcool …). In alcuni casi può verificarsi epatite fulminante potenzialmente letale. Vale a dire che questo rischio è più alto se è associato a un consumo di alcol, anche quest’ultimo viene detossificato dal fegato secondo lo stesso meccanismo del paracetamolo.

L’uso improprio di paracetamolo è anche la prima causa di trapianto di fegato di origine farmaceutica in Francia, afferma l’ANSM. Appare necessario per questi ultimi rafforzare le informazioni sulle scatole di medicinali a base di paracetamolo per rendere i pazienti e gli operatori sanitari consapevoli dei rischi per il fegato. Come garantire ai pazienti un accesso sicuro a questo farmaco? Inserendo nelle scatole un messaggio di avvertimento per prevenire questo rischio epatico. Queste menzioni sono già presenti su alcune confezioni.

Quali sono i sintomi dell’avvelenamento da paracetamolo?

Influenza (Thinkstock)

Nella maggior parte dei casi, l’avvelenamento da paracetamolo in seguito a sovradosaggio o abuso si verifica entro 24 ore dall’ingestione. È caratterizzato da nausea, vomito, perdita di appetito, dolore addominale, sudorazione e letargia. Può comparire dolore nella parte destra della pancia e suggerisce che il fegato sia affetto. Non supportato nel tempo, un avvelenamento da paracetamolo può portare ad insufficienza epatica accompagnata da emorragia di edema cerebrale o nei casi più gravi, l’infiammazione del cervello (encefalopatia). In assenza di un trapianto di fegato, è potenzialmente fatale. Tuttavia, è possibile evitare complicazioni.

Cosa fare in caso di sovradosaggio?

Se si supera la dose massima raccomandata o se si sospetta un sovradosaggio, contattare immediatamente il medico, il farmacista o il Centro Antiveleni e tossicologia (vedere l’elenco dei numeri a seconda della regione), anche se ci si sente bene e non si mostrano segni anormali. Non aspettare la comparsa dei sintomi. Quando si chiama il medico, l’ambulanza o il Centro Anti-Veleno vi sichiederà la vostra età, il peso, l’altezza, il nome del prodotto che causa l’intossicazione (essere sicuri di mantenere la confezione e le istruzioni a portata di mano o chiedere ad una persona cara di raccogliere queste informazioni), tempo e dose di assunzione …
Non vomitare: è raramente indicato e talvolta molto pericoloso. Chiedi prima il consiglio del centro antiveleni o del tuo medico.
Se il paziente ha ingerito una dose molto elevata di paracetamolo, può essere ammesso al più presto in ospedale, dove si identificherà il problema, lavare l’apparato digerente (carbone attivo può essere somministrato se l’ingestione è inferiore a 4 ore per ridurre la dose di paracetamolo nel sangue) e valutare il rischio di avvelenamento a seconda della quantità di paracetamolo ingerita, l’esatta formulazione del farmaco, il modello e il tempo di registrazione e una miscela con un potenziale di altre sostanze. Secondo i risultati, sarà trattato con acetilcisteina per prevenire l’avvelenamento delle cellule del fegato e prevenire le complicanze. Il suo effetto è ottimale se somministrato entro 8-10 ore dall’ingestione di paracetamolo.

Ti potrebbe interessare anche—>>>Influenza in corso: evitare i troppi farmaci

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI