Home Gossip

Michael Jackson: tre canzoni del suo album postumo sono false

CONDIVIDI

La casa discografica Sony ha dovuto riconoscere che tre canzoni dell’album postumo di Michael Jackson si sono rivelate false.

I fan di Michael Jackson avevano ragione. Per otto anni, migliaia di fan di Michael Jackson hanno gridato a gran voce che tre canzoni, pubblicizzate come appartenenti all’opera postuma del compianto cantante, morto nel 2009, erano false. Davanti alla Corte d’Appello della California, la casa discografica Sony è stata costretta a riconoscere la verità.

Tre canzoni eseguite da un imitatore

Michael Jackson continua a far parlare di se, anche dopo la morte, in molti hanno ipotizzato che fosse ancora vivo ed in un certo senso, attualmente, poco dopo il nono anniversario dalla sua scomparsa, possiamo affermare che questa ipotesi non è del tutto falsa. Il noto ed amatissimo cantante è ancora vivo nel cuore dei suoi fans, che lo hanno amato e seguito prima e continuano a farlo oggi come allora. Molto sono le news postume sulla vita del cantante, come le rivelazioni del medico di Michael Jackson sulla presunta castrazione chimica del cantante.

Ed ora emergono nuove indiscrezioni su alcune sue canzoni: Breaking News, Keep Your Head Up e Monster, canzoni ipoteticamente cantate da Michael Jackson facenti parte del suo album postumo, non erano reali. Come ha recentemente rivelato il sito di informazione musicale Hip Hop ‘non più, grazie alla combattività di Vera Serova giustizia è stata fatta. Nel 2014, la fan ha lanciato un’azione collettiva contro il produttore e amico di Michael Jackson, in modo che quest’ultimo riconoscesse l’inganno.

In realtà, le tre canzoni sarebbero state progettate da Michael Jackson nel 2007 nel New Jersey, due anni prima della sua morte. Ma il cantante non avrebbe avuto il tempo di registrare, e il suo amico e produttore sarebbe ricorso  ad un imitatore. La frode è stata finalmente e rapidamente riconosciuta dai fan di Michael Jackson. Nella Corte d’appello, tuttavia, Sony ha detto che aveva tutto il diritto di commercializzare le sue canzoni, anche se Michael Jackson non aveva fatto in tempo ad eseguirla personalmente. I giudici hanno ora tre mesi per prendere una decisione in merito a questo caso di frode.

Ti potrebbe interessare anche—>Michael Jackson e Emma Watson: la rivelazione shock