Home Attualità

Neonato, è provato! Più lo coccoli, più il suo cervello dice grazie!

CONDIVIDI

Neonati, un recente studio prova che più li coccoli, più il loro cervello dice grazie!

Sei il tipo di genitore che passa il tempo ad abbracciare i suoi piccoli? non fermarti! Secondo un recente studio le coccole sarebbero estremamente utili per il cervello del bambino.

Le coccole aiutano i neonati

Secondo un recente studio statunitense condotto dal National Children’s Hospital of Ohio, gli abbracci, i baci e le carezze durante il periodo di sviluppo del bambino sarebbero estremamente utili per il cervello del bambino.

Secondo questa nuova ricerca, dare affetto fisico durante il periodo di sviluppo di un bambino è ancora più vantaggioso di quanto pensassimo. In breve, più abbracci il piccolo neonato, più il suo cervello si sviluppa.

Nessun genitore dimenticherà la prima volta che ha abbracciato il suo bambino. Bene per il neonato, è praticamente la stessa cosa. Secondo il National Children’s Hospital of Ohio, i primi abbracci del bambino stimolano le risposte del cervello e possono anche aiutare a compensare altri traumi che i neonati possono sopportare.

La ricercaa è stata condotta su di 125 neonati prematuri e di termine ed è stata fatta per analizzare la risposta del cervello al contatto fisico. I risultati hanno mostrato che le manifestazioni emotive di genitori e carezze in questa fase iniziale di sviluppo hanno effetti duraturi su come i bambini rispondono al contatto.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini prematuri rispondono meno alla stimolazione del contatto degli altri bambini. Allo stesso modo, i bambini a termine che hanno ricevuto più affetto da genitori o personale ospedaliero hanno mostrato una risposta cerebrale più forte. I bambini prematuri che hanno subito procedure mediche dolorose poco dopo la nascita presentavano le reazioni cerebrali più deboli. Ciò significa che l’esposizione precoce agli abbracci può aiutare i bambini prematuri a sentire l’affetto mentre stimola le risposte cerebrali positive. La percezione del tocco di un bambino prematuro può quindi essere influenzata dalle prime procedure mediche, ma gli abbracci e le carezze possono aiutare a contrastare le esperienze negative.

Secondo la ricercatrice, la dottoressa Nathalie Maitre, il contatto fisico o il dondolio del bambino tra le braccia faranno una grande differenza nel modo in cui si svilupperà il suo cervello. Dice anche che nei bambini prematuri, il tatto e l’affetto giocano un ruolo chiave:

“Garantire che i bambini prematuri ricevano un sostegno positivo, come la cura da parte dei genitori, è essenziale per aiutare il loro cervello a rispondere al tatto in modo simile ai bambini che hanno avuto una gravidanza completa nel grembo materno “.

Fondamentalmente, la condizione è vitale per lo sviluppo del cervello. Quindi abbraccia e abbraccia i tuoi bambini più che puoi!

Ti potrebbe interessare anche—>Pianto dei neonati: una app per capirlo