Home Attualità

Johnny Depp e il suo duro sfogo: “Amore e soldi, quel dolore insopportabile”

CONDIVIDI

Il grande attore statunitense Johnny Depp si confessa a «Rolling Stone» dopo le voci di una brutta malattia.

Johnny Depp torna a parlare dopo 72 ore moltissime  email scambiate con il giornalista Stephen Rodrick, che saluta dicendo: «Questo potrebbe essere il tuo Pulitzer».
I due, si sono incontrati nella residenza del Pirata dei Caraibi a Nord di Londra. Una residenza grande 10.500 metri quadrati nei quali vive circondato dai suoi yesmen, il cuoco, le guardie del corpo, assistenti non meglio inquadrabili che ci rimandano, attraverso il racconto dell’inviato di Rolling Stone, un uomo solo, poco lucido,e molto discutibile, al quale l’avvocato Adam Waldman ha raccomandato caldamente un’intervista che ne ripulisca la reputazione e rinvigorisca le finanze.

La versione di Johnny Depp

Vanessa Paradis E Johnny Depp (MARTIN BUREAU/AFP/Getty Images)

Depp ha confermato qualcosa che nel suo ambiente girava da parecchio tempo. L’attore infatti,  usava un auricolare per farsi suggerire le battute sul set. Questo per il fatto che qualcuno gli ricordasse i dialoghi permettendogli così di recitare con gli occhi: “Ho avuto a che fare con cornamuse, bambini che piangono e bombe che esplodono. (Recitare con gli occhi) restituisce verità. Alcuni dei miei più grandi eroi erano nei film muti. Tutte le emozioni passavano dallo sguardo. E credo che se non c’è verità dietro agli occhi, non importa quali siano le cazzo di parole”.

Nell’intervista ha speso anche parole contro Harvey Weinstein (“Era un bullo. Hai visto sua moglie? Non è una cima”) e per l’amico di vecchia data Tom Petty. Racconta: “Ci telefonavamo chiedendoci: ‘Ehi, stai ancora fumando?’” spiega l’attore. Tom rispondeva, ‘Sì, sto ancora fumando,’ e io mi sentivo meglio”. E ricorda: “Gli volevo bene”. Era arrivato da Los Angeles alla Florida con lui per cercare di diventare rocker, ma poi Nicolas Cage lo avrebbe convinto a recitare per avere più successo.

Poi infine Deep ha anche ammesso come il divorzio e i problemi legali lo abbiano fatto precipitare nella depressione fino a spingersi e a pensare al suicidio :”Il prossimo passo sarebbe stato arrivare in un posto con gli occhi aperti e lasciarlo con gli occhi chiusi”. Ma è riuscito poi a combattere i suoi demoni andando in tour con gli Hollywood Vampires e scrivendo un’autobiografia su una vecchia macchina da scrivere :”Mi versavo una vodka la mattina e iniziavo a scrivere finché le lacrime mi riempivano gli occhi e non riuscivo più a vedere la pagina”.