Home Attualità

Maturità 2018, su Bassani e Merini la traccia d’italiano

CONDIVIDI
maturità
Esame di maturità (FREDERICK FLORIN/AFP/GettyImages)

I temi della Maturità 2018, da Giorgio Bassani ad Alda Merini e il principio di uguaglianza nella Costituzione

Finalmente è iniziata la Maturità 2018, finalmente anche per la prima generazione di Milllennials c’è il temutissimo Esame di Stato, lo spartiacque tra la scuola e la vita da “adulti”. Sono partiti gli esami di maturità e, come di consueto, sono partiti con la prima prova, il tema di italiano. Quest’anno il Miur ha scelto Giorgio Bassani come autore da analizzare. In particolare è stato selezionato un brano da “Il giardino dei Finzi-Contini”, il suo capolavoro. Il saggio artistico-letterario invece è incentrato su Alda Merini e sul tema ‘I diversi volti della solitudine nell’arte e nella letteratura’, con l’omonima poesia della Merini. Per il tema di cultura generale della Maturità 2018, invece, è stato scelto il principio di uguaglianza nella Costituzione. Un tema di stringente attualità, visti i recenti fatti di cronaca e politica. In particolare la tematica costituzionale si indirizza sul principio di uguaglianza formale e sostanziale sancito dall’articolo III: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali”.

Leggi anche — > Esami di terza media al via: le differenze con gli anni scorsi

Maturità 2018, le altre tracce del tema di italiano

Come sempre accade sono state confermate alcune delle indiscrezioni sul tema di italiano degli esami di maturità 2018, mentre altre sono state completamente disattese. C’era stato un pronostico sulla Merini, ma nessuno era riuscito a “beccare” Bassani. L’analisi del testo è incentrata quindi su Il giardino dei Finzi Contini, un’opera la cui tematica principale sono le leggi razziali fasciste del 1938, che racconta “gli orrori della persecuzione fascista e razzista, la crudeltà della storia, l’incantesimo dell’infanzia e la felicità del sogno”. La traccia di storia, invece, riguarda la cooperazione internazionale, con riferimenti ad Alcide De Gasperi e Aldo Moro. Per il saggio artistico letterario, oltre alla poesia della Merini, ci sono anche per ‘Ed è subito sera’ di Salvatore Quasimodo, una poesia di Emily Dickinson, un estratto di ‘Uno, nessuno e centomila’ di Luigi Pirandello e ‘La vita solitaria’ di Francesco Petrarca.