Home Salute e Benessere

Portulaca: proprietà benefiche e come utilizzarla

CONDIVIDI
La portulaca, una pianta dalle molteplici proprietà benefiche.
Chissà quante volte vi sarà capitato di incontrarla e di sradicarla perchè stava infestando il vostro amato giardino, una vera seccatura ed alquanto difficile da eliminare in via definitiva. Anche qualora siate riusciti momentaneamente ad eliminarla,  basta che un uccellino faccia cadere altri semi sul vostro prato ed eccola crescere di nuovo.
Viene chiamata pianta infestante e sradicata, ignorando le ottime ragioni per cui dovremmo invece amarla.
Portulaca, questo è il suo nome, ed in realtà è un vegetale molto benefico per la salute, e un portento per disintossicare il vostro corpo.

Le proprietà della portulaca

Questa pianta poco apprezzata, in realtà ha delle proprietà che pochi sospettano. La portulaca ha un alto contenuto di minerali e vitamine A, C ed E, che la rendono un eccezionale alleato per la salute. Naturalmente ricca di potassio, magnesio e ferro aiuta ossa e denti a restare forti e sani, dona beneficio al sistema nervoso ed aiuta a rafforzare il sistema immunitario.
Grazie al suo contenuto in acidi grassi omega-3, previene le malattie cardiovascolari e favorisce la circolazione sanguigna.
Se vi capita di soffrire di una contrattura muscolare o avete la pelle irritata provate a strofinarla sulla pelle e noterete un sollievo repentino.
inoltre in caso di gengive infiammate masticarla aiuta a deconfgestionarle.
La portulaca calmerebbe anche il mal di gola e le irritazioni digestive.
Se hai l’abitudine di sradicarla dal tuo giardino, non farlo più, approfitta piuttosto dei suoi benefici.
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Dieta juicing: per dimagrire e disintossicarsi

Portulaca in cucina

Ecco qualche consiglio su come cunsumarla in cucina:
La portulaca è molto gustosa e fresca, ottima mangiata cruda come una comune insalata, soprattutto se mischiata a rucola e giovani foglie di barbabietola.
si può mangiare anche stufata in padella come se fossero spinaci freschi.

I gambi e le foglie di portulaca possono  essere conservati sottaceto, e consumate durante l’inverno.

La portulaca è molto facile da preparare, è sufficiente tagliare la base dei suoi steli, lavare le foglie sotto il rubinetto e passarle nella centrifuga per insalata.

Fate attenzione a non immergere le foglie nell’acqua, perderanno le loro vitamine.

Precauzioni per l’uso

Cruda o cotta la portulaca non presenta particolari controindicazioni o rischi di tossicità. Tuttavia, se si soffre di allergie a determinati alimenti, meglio evitare di consumarla in grandi quantità, soprattutto se cruda, perché potrebbe portare a indigestione indesiderata. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Il segreto per una lunga vita sta nel piatto